in edicola su Sambenedettoggi.it

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Miss Italia addio per sempre? Nel prossimo Consiglio Comunale, il gruppo consiliare di Rifondazione Comunista presenterà una mozione in cui verrà chiesta la sospensione di ogni contributo economico da parte del Comune di San Benedetto, e delle sue partecipate alla manifestazione.
«Abbiamo deciso di presentare questa mozione senza alcun intento di polemica, né contro la passata amministrazione né contro quella ancora precedente – ha affermato Daniele Primavera, capogruppo consiliare di Rifondazione – Ci pare che discuterla in Consiglio comunale, chiedendo quindi alla città di interrogarsi sull’opportunità di finanziare determinate iniziative, possa essere un momento di crescita collettiva importante».
Secondo Rifondazione, la giunta, nella scelta degli eventi, dovrebbe interessarsi a manifestazioni «che non siano promotrici di canoni estetici assoluti, e, anzi, valorizzino gli aspetti positivi dell’umanità, come l’unicità dell’individuo, il valore dell’impegno e il genio artistico».
Non si fa attendere la replica dell’opposizione con un intervento di Pierluigi Tassotti della Lista Martinelli: «Francamente non riesco a comprendere il valore e la tempistica fuori luogo di questa mozione su Miss Italia, che il consigliere Daniele Primavera presenterà nel prossimo Consiglio comunale. Vorrei ricordare al consigliere che la precedente amministrazione aveva “ereditato” la manifestazione dalla giunta Perazzoli, e che è stata l’evento che ha dato maggior risalto mediatico alla nostra città. Lo invito magari a riflettere se i 650mila euro sborsati dall’attuale amministrazione per la programmazione 2007 in materia di turismo e cultura siano stati spesi con criterio e se tra questi i 25mila usati per la manifestazione Maremoto rientravano nell’ottica della sua tanto decantata parsimonia. Consiglio al giovane collega Primavera di impiegare meglio il suo, e il nostro tempo, su tematiche più importanti come il Piano Regolatore, il regolamento per l’occupazione del suolo pubblico o il Piano di spiaggia».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.086 volte, 1 oggi)