SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Altro pareggio per la Tecno Riviera delle Palme C/5 che stavolta non riesce a superare la coriacea formazione del Settempeda e si deve accontentare di un sol punto che muove la classifica e fa posizionare virtualmente la formazione rossoblu fuori dalla zona play-out. Ma molto è il rammarico per i ragazzi di mister Aureli che, pur avendo disputato una eccellente gara (eccetto cinque minuti di black-out ad inizio ripresa), si sono dovuti inchinare più a delle decisioni arbitrali alquanto discutibili che alla formazione ospite.
Lapidario il commento a fine gara del Presidente della formazione rivierasca Arcangelo Grossi: “E’ da inizio anno che siamo bersagliati dalla classe arbitrale che non ci vede di buon occhio, ma ora si sta esagerando. La consuetudine del designatore arbitrale è quella di far dirigere le gare da arbitri del luogo per contenere le spese: ebbene, fuori casa le giacchette nere ci perseguitano…ed in casa, quando ad esempio vengono arbitri della sezione sambenedettese, accade la stessa cosa. Noi non vogliamo favori da nessuno! Ci basta l’imparzialità…che non sempre tuttavia contraddistingue la classe arbitrale. In tale gara il duo arbitrale ha fatto in modo che la formazione ospite potesse giungere al pari fischiando delle cose assurde, penalizzandoci anche per la prossima gara. Occorre intervenire!?.
In effetti, alla luce della gara disputata dai rossoblu, le polemiche non sembrano gratuite. Dopo il vantaggio della Tecno grazie al solito Camela, i settempedani pervenivano al pareggio allo scadere della prima frazione di gioco grazie ad un tiro libero scaturito da un quinto ed un sesto fallo apparsi ai molti inesistenti. Nella ripresa accadeva l’impensabile: un black-out della formazione sambenedettese costava caro e gli ospiti si portavano sul doppio vantaggio. Ma la reazione era immediata e prima la Tecno accorciava le distanze con Di Battista e poi impattava con Grossi. Dopo di che era un assalto alla porta ospite ma la troppa imprecisione, dei pali ed il portiere settempedano negavano la meritata vittoria dei padroni di casa.
Nel prossimo match la Tecno C/5 si recherà in quel di Osimo per affrontare un incontro alquanto delicato contro una formazione assetata di punti per tirarsi fuori dalla zona play-out: purtroppo si dovranno contare alcune assenza forzate che mineranno l’organico a disposizione di mister Aureli.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 465 volte, 1 oggi)