SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Gestione Sentina, diatriba ancora aperta. “Prendo atto delle dichiarazioni di Massimo Rossi – afferma oggi l’assessore all’ambiente Ruggero Latini – ed esprimo il mio apprezzamento per le sue valutazioni. Non era mia intenzione, se i miei toni sono stati sopra le righe, urtare la sua sensibilità, ma soltanto porre in rilievo una questione importante per San Benedetto. Alla luce di quanto detto, auspico che la Regione tenga conto della nostra richiesta, avallata anche dalla Provincia, e rinnovo la richiesta fatta ai consiglieri regionali eletti coi voti di questa città, di intervenire in nostro favore.?
L’impegno del Comune di San Benedetto del Tronto è stato infatti determinante; non si discuterebbe, oggi, della Riserva naturale della Sentina, senza la collaborazione della Giunta Martinelli. “Spero che questo modo di lavorare – dichiara Latini – che sinceramente ha stupito tutti, possa essere proficuo in altre situazioni, ora è necessario che ci venga concesso ciò che, in base alla legge regionale, ci spetta.?
Il clamore suscitato dalle richieste dell’assessore all’ambiente ha portato anche al progetto di un incontro con gli assessori provinciali Maroni e De Angelis, per cercare di risolvere il problema del sottopasso alla Sentina.
In appoggio alle tesi dell’assessore Latini, il presidente della Commissione lavori pubblici di San Benedetto, Benito Rossi, ha protocollato oggi una comunicazione al Presidente della provincia, dove si prega di far rispettare le decisioni prese congiuntamente, poiché quanto recentemente disposto non è in linea con quanto deliberato in commissione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 534 volte, 1 oggi)