I giocatori della Samb chiedono scusa alla città ed ai tifosi per la figuraccia rimediata in terra sannita e giurano che non molleranno. Il poker inflitto dal Benevento pesa, ma gli occhi di tutti sono ora puntati sul derby con la Fermana.

Giugliano (marito di Valentina Vezzali pluricampionessa mondiale di fioretto): la Samb mi è piaciuta nel primo tempo, quando poteva andare in vantaggio sia grazie al colpo di testa di Fanesi, sia per la traversa di Maschio. Il nostro merito è stato quello di giocare tutta la partita come se fossimo sullo zero a zero, anche quando eravamo in vantaggio. Quando verrò a giocare nelle marche (la Vezzali è nativa di Jesi)? Purtroppo l’unica esperienza di Ancona è stata negativa. Adesso il mio obiettivo è la serie B con il Benevento.

Borneo: abbiamo l’obbligo di crederci e ci proveremo fino a quando la matematica non ci condanna. Loro avevano giocatori rapidi davanti che hanno fatto quello che volevano e abbiano preso il secondo gol nel momento peggiore per una squadra che deve rimontare. Domenica dobbiamo battere la Fermana per rilanciarci.

Di Nardo: non abbiamo sbagliato praticamente nulla. E’ stata comunque una vittoria più difficile di quanto dica il punteggio, perché la Samb ci ha fatto soffrire molto nel primo tempo.

Aprea: il raddoppio del Benevento ad inizio della ripresa ci ha tagliato le gambe. Questa sconfitta ha ben poco da commentare perché nella ripresa abbiamo sbagliato tutto. Ci sono rimaste 7 partite da qui alla fine del campionato e dovremo affrontarle una ad una come una finale di champion’s league. Non chiedetemi di commentare i gol, ma ancora una volta abbiamo subito una rete da calcio piazzato ed è su questo che dobbiamo lavorare.

Cottini: la difesa ha delle serie responsabilità su questo 4 a 0 ed è inutile negarlo. Siamo mancati in reattività e dopo il secondo gol subito ad inizio del secondo tempo, non siamo più riusciti ad alzare la testa. Ma ancora nulla è perduto, anche se a questo punto dobbiamo sperare in un passo falso di chi ci precede.

Martusciello: non dobbiamo mollare, anche se abbiamo 4 punti dal Lanciano (che però gioca domani!). Il Benevento ha inanellato una serie positiva che lo ha portato fino a questa posizione, anche noi possiamo farcela, se riusciamo a ritrovarci fin da domenica prossima.

Il calcio è fatto di episodi: abbiamo subito 2 gol su palle inattive. Molto ha influito il momento in cui abbiamo subito i gol: alla fine del primo tempo, quando ormai pensavamo di rientrare in parità negli spogliatoi e dopo 5 minuti del secondo tempo.

Filippi: due dei quattro gol erano in fuorigioco netto. E’ stata una partita stranissima, in quanto nel primo tempo meritavamo noi di passare in vantaggio. Archiviamo questa sconfitta prima possibile e chiediamo scusa ai tifosi per la figuraccia rimediata.

Maschio: dopo un buon primo tempo siamo crollati nella ripresa. Il calo è stato più psicologico che fisico. Mi trovo molto bene a San Benedetto. Quest’anno sono stato un mese a Perugia ed è stata una grossa esperienza per me, ma a causa della pessima situazione di classifica la società ha voluto puntare su elementi di maggiore esperienza in serie A.

Napolioni: anche dopo questa figuraccia non molliamo. C’è delusione ma noi non molliamo. Ci scusiamo con la città ed i tifosi per questa sconfitta cosi altisonante, ma dimostreremo che noi ci siamo ancora per la lotta play off.

Fanesi: perdere in questo modo brucia assai, ma sono cose che capitano nel calcio. Personalmente penso di aver giocato un buona gara. Loro sono stati bravi a sfruttare i nostri errori e ci hanno punito in contropiede. Sembrerà un paradosso dopo un passivo cosi pesante, ma ribadisco che non abbiamo affatto demeritato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 124 volte, 1 oggi)