SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Continua il grande successo del Festival dell’Arte sul Mare 2021, che procede nel suo ricco programma con un ampio consenso del suo affezionato pubblico.

Mentre gli scultori Antonella Tiozzo, Alessia Forconi, Alessandro Canu, Luca Marovino e Giuseppe Straccia continuano a lavorare con gli scalpelli e la street artist Alessandra Carloni dà gli ultimi tocchi di colore al suo splendido murale, gli alunni dell’IPSIA “Antonio Guastaferro” continuano a realizzare la loro installazione dedicata alla marineria sambenedettese ed intitolata “La famiglia”.

Nel frattempo, nei giorni scorsi, si sono svolti altri due importanti eventi che hanno visto un’ottima partecipazione di pubblico.

La prima è stata la “Serata Jazz”, che si è tenuta la sera di mercoledì alla Palazzina Azzurra, davanti ad un pubblico contingentato ma entusiasta, soprattutto per gli arrangiamenti jazz eseguiti dal gruppo di Giacinto Cistola, di alcune famose canzoni aventi come tema il mare. La seconda è stata la Conferenza sulla storia della pesca a motore, tenuta all’IPSIA da Giuseppe Merlini, responsabile dell’archivio storico comunale davanti ad un pubblico molto interessato.

Il Festival dell’Arte sul Mare proseguirà fino a sabato 19 giugno, quando nel pomeriggio, alle ore 18.30 si terrà al Molo Sud la cerimonia di chiusura alla presenza delle autorità.

Durante la cerimonia gli artisti presenteranno alla città rappresentata dal sindaco e al pubblico convenuto, le proprie opere e ne spiegheranno il significato.

Si chiuderà così l’edizione 2021 intitolata “25 anni d’arte sul mare” che ha celebrato il venticinquennale di Scultura Viva, che ancora oggi costituisce la sezione più importante del Festival dell’Arte sul Mare e che in questo quarto di secolo ha regalato alla città ben 176 sculture allineate lungo il Museo d’Arte sul Mare che solo San Benedetto del Tronto può vantare.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.