GROTTAMMARE – È possibile che un regista del calibro di Ingmar Bergman si sia ispirato ai quadri di Edvard Munch. Questa ipotesi diventa plausibile alla luce delle loro comuni origini nordiche. Esplorando a ritroso l’arte dell’Europa del Nord si scopre l’esistenza di un'”anima nordica”: un patrimonio di immagini condiviso dagli artisti provenienti da quei luoghi.

Mettendo a confronto il regista e il pittore, le somiglianze che emergono sono sorprendenti e dipinto dopo dipinto, sequenza dopo sequenza, non si può fare a meno di chiedersi se il legame non sia volontario. Dai temi dell’angoscia, della misteriosità, dell’universo femminile, della maschera i due sono accomunati e affascinati. Inoltre, entrambi, più che dare risposte non fanno altro che porre nuove domande.

Appuntamento quindi il 23 novembre al palazzo Kursaal di Grottammare per “Incontri con l’Autore” a cura di Blow Up. Valentina Appolloni porterà “Silenzi e grida: Bergman e Munch a confronto”. Conversa con l’autrice Filippo Massacci.

Valentina Appolloni. Nata nel 1989 a Tolentino. Laureata in Filologia moderna presso l’Università degli Studi di Macerata nel 2013, ha conseguito un Master in Editoria, giornalismo e management culturale presso l’Università La Sapienza di Roma. Successivamente ha lavorato nel settore dell’editoria e della comunicazione e in una biblioteca. Nel 2016 ha pubblicato il libro Silenzi e grida. Bergman e Munch a confronto (Le Ossa Editrice).

L’ingresso è gratuito con tessera-abbonamento alla Federazione Italiana Cineforum 2017-2018, rilasciata dall’Assocazione Blow Up al costo di 10 euro e che può essere sottoscritta all’ingresso. La tessera F.I.C. consentirà di partecipare liberamente a tutte le iniziative del ricco calendario della rassegna.
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 309 volte, 1 oggi)