SAN BENEDETTO DEL TRONTO  – Nel 1986 a San Benedetto il Ferragosto era “OK”,  mutuando il titolo della fortunata miniserie televisiva ambientata proprio nelle nostre spiagge che, trent’anni dopo, continuano a far divertire generazioni di turisti e a regalare cartoline difficili da dimenticare. Ma non è tutto oro quello che luccica.

La nottata di Ferragosto infatti, che ha diviso migliaia di giovani fra i locali del centro e le classiche feste in spiaggia fra un barbecue e un falò, qualcosa di spiacevole e, poco “OK”, il giorno dopo, lo ha regalato. Scorrendo un po’ i social network infatti, e soffermandosi soprattutto sui “gruppi” Facebook dedicati a San Benedetto sono tanti i cittadini che si lamentano dello stato in cui i “festaioli” hanno lasciato le spiagge questa mattina.

“Deturpare lo spazio in questo modo è di una inciviltà inaudita! Mai ricordato in 34 anni un ferragosto così” questo lo sfogo social, tra i tanti, di una donna. Ma non mancano neanche le testimonianze dirette giunte alla nostra redazione. Come quella di Luca che ci invia una serie di foto scattate presso una delle tante spiagge libere del nostro litorale. “Io vivo qui ma non sono un incivile. Primo perché questa è casa mia. E a casa mia  non rompo le bottiglie dentro e non butto l’immondizia in mezzo al corridoio” ci dice l’uomo che alla fine si sfoga: “E’ una delle vergogne più grandi che abbia mai visto in vita mia.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 4.295 volte, 1 oggi)