SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il 15 luglio torna un importante evento sportivo in Riviera. A San Benedetto del Tronto, presso la Beach Arena, torna la Serie A di Beach Soccer per la stagione agonistica 2016. Protagonista della competizione sarà sicuramente la sambenedettese Happy Car Samb che giocherà di fronte al proprio pubblico. L’esordio sarà contro il Livorno. Il 16 i rossoblu affronteranno la Lazio e il 17 la corazzata Viareggio. Per tre giorni la città di San Benedetto sarà capitale nazionale del Beach Soccer. Uno sport che porta benefici economici e turistici alla collettività. L’appuntamento sarà replicato dal 29 al 31 luglio.

Nella serata del 13 luglio, presso lo chalet Medusa, si è tenuta la cena di Gala della Happy Car Samb. Erano presenti i componenti della rosa rossoblu, la dirigenza sportiva e gli sponsor oltre agli assessori Filippo Olivieri (commercio e pesca), i consiglieri comunali Giacomo Massimiani e Valerio Pignotti (tra l’altro ex giocatore nel 2010 dei rossoblu) per la neo-giunta Pasqualino Piunti e l’ex sindaco Giovanni Gaspari in rappresentanza della giunta precedente che ha visto e contribuito alla nascita della squadra e della Beach Arena. Mattatori della serata i giornalisti Sandro Benigni e Benedetto Marinangeli che hanno intrattenuto gli ospiti e intervistato i vari protagonisti della componente rossoblu. Ospite d’onore il coordinatore Maurizio Minetti della Lega Nazionale Dilettanti Beach Soccer.

A prendere parola è stato Bernardo Carfagna della Happy Car, sponsor dei rossoblu: “Il titolo di campione d’Italia ottenuto nel 2014 ha dato visibilità nazionale ed europea. Siamo orgogliosi di aver dato il nostro contributo alla squadra e anche alla città. In tre anni ci vengono in mente tante immagini belle. Speriamo di prenderci altre soddisfazioni nel futuro imminente”.

I conduttori Benigni e Marinangeli hanno sottolineato l’importanza di avere una squadra rivierasca in Serie A e della possibilità di poter ospitare il torneo: “Il Beach Soccer oltre a dare benefici sportivi, porta turismo. Arriveranno in Riviera, come negli anni passati, tante squadre e atleti. Molte persone avranno la possibilità di conoscere la città e di tornarci, è già accaduto. Questa manifestazione sportiva aiuta albergatori e ristoratori. La giunta Gaspari ha avviato la realizzazione di questo progetto che ha portato frutti positivi, auspichiamo che la neo-amministrazione comunale Piunti continui in quest’operato facendo crescere questo sport in Riviera e l’impianto della Beach Arena. Lo sport è un veicolo importante che può trainare il turismo”.

I due giornalisti hanno ricordato anche della recente iniziativa avviata da Noi Samb con i familiari dell’ex giocatore Stefano Borgonovo e gli associati della sua fondazione contro la Sla: “Esiste la concreta possibilità di organizzare all’Allianz Arena di Monaco un’amichevole Bayern – Samb. I primi contatti con la società tedesca sono buoni per non parlare dell’antico e prestigioso gemellaggio tra le due tifoserie. Sarebbe un bel modo per consolidare il turismo tedesco in Riviera. Ricordiamo che gli aeroporti di Pescara e Ancona non sono così distanti da San Benedetto del Tronto. Lo sport è parte integrante del turismo e dell’economia sambenedettese”.

Nel bel mezzo della cena una gradita sorpresa. L’arrivo del telecronista sambenedettese Maurizio Compagnoni. Il celebre commentatore Sky ha preso la parola: “Ero alla festa scudetto del 2014 e spero di portare nuovamente bene ai colori rossoblu. Questo fine settimana sarò al Beach Arena a sostenervi”.  Il telecronista è stato sollecitato dai conduttori riguardo al fresco calciomercato parlando di Pellè in Cina (“A quelle cifre come fai a rifiutare? Ho cercato di prendere informazioni sulla lingua cinese in caso di contatti, andrei subito” ha scherzato Compagnoni), della possibile cessione di Pogba (“Se la cifra offerta di oltre 100 milioni di euro fosse vera, lo darei via subito se fossi un dirigente della Juve”), del Milan ai cinesi (“Non si capisce ancora chi siano gli acquirenti ma ho capito che Berlusconi faceva sul serio quando mister Brocchi è andato via) e dell’Inter (“Sappiamo chi sono i padroni cinesi, possiedono soldi ma loro in Italia pare che non spendano come in patria”), del mancato arrivo di mister Bielsa alla Lazio (“Lotito vittima e ingenuo, non doveva annunciare senza l’ufficialità l’arrivo, a Bielsa interessa la panchina dell’Argentina, si è tirato indietro) e della Juve come possibile favorita per la prossima stagione (“L’unico problema è forse un possibile appagamento, resta la squadra più forte del campionato). Maurizio Compagni, in seguito, si è intrattenuto ben volentieri con i giocatori rossoblu scattando foto e scambiando battute.

E’ stata la volta del coordinatore Maurizio Minetti della Lega Nazionale Dilettanti Beach Soccer: “San Benedetto è una bella città e si mangia molto bene. Ho fatto una passeggiata fino alla Beach Arena e sono stato contento di vedere tanti ragazzi del vivaio sambenedettese praticare questo bellissimo sport. Il Beach Soccer è in crescita in Italia e acquistiamo anno dopo anno visibilità all’estero”.

Sono intervenuti, poco dopo, i consiglieri comunali Pignotti e Massimiani. Il primo ha affermato: “Essendo ex giocatore dei rossoblu, conosco bene la realtà del Beach Soccer a San Benedetto. Vedere la Beach Arena piena fa sempre molto piacere. Eravamo tutti sambenedettesi ma adesso gli innesti brasiliani e portoghesi hanno dato una marcia in più. Sono contento, comunque, che si stia gestendo un vivaio per far conoscere ai più piccoli questo sport”.  Il secondo ha dichiarato: “Giovani sono la nostra risorsa, anche nello sport. Bisogna unire il Beach Soccer al sociale. Il turismo sportivo fa bene alla città. Bisogna proseguire su questa strada”. I due consiglieri comunali sono stati omaggiati con due maglie della società rossoblu.

In seguito ha preso la parola l’assessore Olivieri: “La politica divide ma lo sport unisce. Creare sinergia con l’industria porta benessere alla collettività. Ringraziamo la giunta Gaspari per il contributo che ha dato al Beach Soccer sambenedettese. Anche con il neo sindaco Pasqualino Piunti (assente per altri impegni) vogliamo rafforzare questo sport per il bene di tutti”.

E’ stata la volta poi di mister Oliviero Di Lorenzo e di alcuni giocatori dell’Happy Car Samb tra cui il pluripremiato portoghese Bruno Novo, capitano del team. In coro hanno affermato: “Partite difficili ma tutto dipende da noi. In Coppa Italia ci davano per spacciati eppure siamo arrivati in finale perdendo all’ultimo secondo. Amarezza ma con tante assenze non potevamo fare di più. Il nostro girone è complicato e prevede squadre di buon livello ma siamo determinati. Fare due vittorie su tre sarebbe molto importante. Ce la metteremo tutta”.

La serata è proseguita con il taglio della torta per festeggiare l’Happy Car Samb ma anche il compleanno del tifoso numero uno Matteo, presente al Gala.

A prendere la parola è stato poi il presidente Roberto Ciferni: “Ringrazio lo sponsor Happy Car che ha contribuito a ingrandire la famiglia della Samb Beach Soccer. La squadra è più importante dei singoli giocatori. Quello che facciamo qui è creare un ambiente familiare. Un concetto di famiglia molto importante. Un ottimo gruppo, unito e coeso, porta sempre risultati buoni come negli ultimi anni”.

Infine ha preso parola Francesco Carfagna dell’Happy Car: “Vogliamo continuare a fare bene e a dare il nostro contributo. Siamo una squadra molto forte con in rosa il capitano campione del Mondo con il Portogallo, Bruno Novo. Dobbiamo dare tutti il massimo per fare bene”.

Francesco Carfagna ha consegnato al capitano Bruno Novo un assegno simbolico da 5 mila euro: il premio per la squadra se raggiungerà l’obiettivo scudetto.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 433 volte, 1 oggi)