GROTTAMMARE – Riportiamo e pubblichiamo un comunicato, giunto in redazione, del consigliere comunale Andrea Crimella del Movimento 5 Stelle:

“La commissione elettorale, all’interno della quale un componente di minoranza rappresenta nell’interezza la minoranza stessa, è stata indetta ormai due settimane orsono senza alcun avviso ai componenti dell’opposizione da parte del consigliere. Alla specifica richiesta di come potesse essere accaduto un fatto così deplorevole il consigliere Vagnoni (Lista Concetti Sindaco) imputava la mancanza, che non è obbligo di legge ma segno di rispetto e trasparenza, al poco tempo avuto.

Nonostante il M5S (le altre forze politiche di minoranza) sia venuto a conoscenza per altre vie solo due giorni prima della data di convocazione è riuscito a formulare una proposta su come si sarebbero dovuti scegliere gli scrutatori perché in sostanza è questo quello che fa la Commissione. A esplicita richiesta di adottare un sistema trasparente e casuale il consigliere delegato rispondeva (ci sono testimonianze e prove) che dei 20 nomi per così dire riservati alla minoranza 18 erano già occupati. Ho ribadito la possibilità di revocare tali promesse fatte e ripartire da capo, proponendo a tutta la commissione, il metodo della casualità, dell’estrazione in base ad alcuni e fondamentali principi (fra cui la disoccupazione).

L’ufficio elettorale del Comune ha ribadito che in sede di commissione il metodo della casualità non è più contemplabile, vero, e che i nomi devono essere consegnati dalle forze politiche, vero. Ma la legge stessa non impedisce che i nomi, prima della commissione e in completa condivisione/trasparenza, siano gestiti in un modo o in un altro; in buona sostanza purché si arrivi con dei nomi.

Allego la mia proposta che, nei termini gestionali sopra esposti, è stata accettata di buon grado dalle altre forze politiche e dal nostro primo Cittadino in persona che si è riservato solamente alcuni approfondimenti in merito. Del resto il metodo non è una novità e anzi, in altri Comuni è normale amministrazione. Ci auguriamo che dal prossimo anno anche a Grottammare le cose cambino.

Il sottoscritto, il consigliere comunale di Grottammare Futura Sandro Mariani e i consiglieri comunali del Popolo della Libertà Lorenzo Vespertini, Filippo Olivieri chiedono che il Sindaco e i componenti della commissione elettorale s’impegnino in quanto segue: NOMINA DEGLI SCRUTATORI ALL’INTERNO DEI SEGGI ELETTORALI TRAMITE LA SCELTA DEL TUTTO CASUALE ATTRAVERSO ESTRAZIONE DEGLI AVENTI DIRITTO, IN OSSEQUIO ALLA PARITA’ DEI DIRITTI TRA UOMO E DONNA LA SCELTA DEL 50% DI SESSO FEMMINILE E DEL 50% DI SESSO MASCHILE, LA PRIORITA’ AI DISOCCUPATI, AGLI STUDENTI LAVORATORI ED AI PENSIONATI CON IL MINIMO INPS.

Vista la legge 95/1989 che prevedeva la nomina degli scrutatori nei seggi tramite sorteggio casuale al computer, vista la legge 270/2005 ulteriormente modificata dalla legge 22 del 27 gennaio 2006 che prevede la chiamata diretta e nominativa e quindi non casuale degli scrutatori oltre che la presenza proporzionale nella Commissione che sceglie gli scrutatori di forze politiche prevalse nella precedente elezione.

Perché il metodo si presta a una valutazione non oggettiva ed asettica dei candidati. Visto anche il malcontento popolare che questa scelta è venuta a provocare“.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 453 volte, 1 oggi)