SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Violenza reiterata: è quella commessa da F.M., 37 anni, di Fermo, ai danni della sua ex compagna, nella serata di giovedì 5 settembre, a San Benedetto, precisamente nel parco pubblico di via Dari. L’uomo infatti ha picchiato la donna, pugliese, nel tentativo di estorcerle il denaro necessario al pagamento delle spese legali sostenute a causa di una precedente carcerazione, sempre per percosse alla compagna avvenute lo scorso mese di agosto.

L’uomo è stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Operativo Radio Mobile in collaborazione con il Commissariato di Pubblica Sicurezza di San Benedetto, ed è ora nel carcere di Marino del Tronto.

Dopo i fatti precedenti, F.M. era appunto già stato in carcere e una volta liberato il giudice aveva intimato di non frequentare i luoghi frequentati invece dalla compagna. Così non è stato e allora, dopo le prime violenze avvenute nel tardo pomeriggio, sempre nella zona portuale, la donna (senza fissa dimora) subendo altre percosse è fuggita raggiungendo un bar nella zona e facendo intervenire i carabinieri.

La donna non si è recata al Pronto Soccorso per le cure mediche necessarie per evitare guai peggiori all’uomo, che tra le altre cose in passato si era fatto conoscere dalle forze dell’ordine per altre vicende di cronaca.

 

Picchia l’ex convivente e cerca di estorcerle del denaro per pagare le spese legali sostenute a seguito di un precedente arresto. L’uomo, F.M. fermano di 37 anni, arrestato dai carabinieri del nucleo operativo radio mobile in collaborazione con il personale del commissariato di pubblica sicurezza di San Benedetto, si trova rinchiuso nel carcere di Marino del Tronto in attesa della convalida del provvedimento. Deve rispondere di tentata estorsione. La donna, senza una fissa dimora, originaria della Puglia, ha deciso di non farsi medicare al Pronto Soccorso, evitando così all’ex compagno, guai peggiori. L’episodio è accaduto nella prima serata di giovedì, quando la donna è stata aggredita nel parco pubblico di via Luigi Dari, sul versante est della stazione di San Benedetto. Riuscita a scappare si è rifugiata nel bar di fronte la capitaneria di porto, da dove ha chiesto l’intervento dei carabinieri. Nel pomeriggio, però, c’erano già state le prime schermaglie. Il fermano, nel mese di agosto era stato arrestato per maltrattamenti in famiglia, in pratica aveva picchiato la compagna, ed una volta scarcerato il giudice gli aveva imposto di stare lontano dai luoghi frequentati dalla vittima. Invece ieri sera i due si sono incontrati a San Benedetto e l’uomo non ha saputo tenere a bada il suo impeto. Da qui il nuovo arresto dell’uomo che era anche conosciuto dalle forze dell’ordine per precedenti fatti, tra cui un arresto per estorsione, arresto operato congiuntamente da carabinieri e polizia.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.090 volte, 1 oggi)