GROTTAMMARE – Sabato 19 gennaio in un teatro delle Energie strapieno si è svolta la quattordicesima edizione del Grottammarese dell’Anno. Inserito all’interno della manifestazione Una Rotonda Sul Mare, rappresenta uno degli eventi più importanti dell’inverno grottammarese, un apprezzato mix tra comicità, musica e solidarietà.

L’ambito premio per il 2012, spettante al grottammarese che  si sia distinto a livello nazionale o mondiale, è andato al compositore e  uomo di cultura Stefano Marcucci, che ha ricevuto dalle mani del Sindaco Merli un quadro dell’artista Grottammarese Cristina Persiani rappresentante “il Ragazzo con il gabbiano” di Pericle Fazzini.

Presenti sul palco anche Enrico Piergallini (vice sindaco), Tullio Luciani (cordinatore del premio) e Aureliano Mascaretti (presidente della Lido degli Aranci).

Sono ben tre le motivazioni del premio assegnato: Per aver scelto la Città di Grottammare come luogo di residenza, dopo avervi soggiornato ininterrottamente per sessanta anni, considerandolo un privilegio prezioso, riuscendo a percepire, come a suo tempo Franz Listz,  la poesia della natura attraverso il profumo dell’arancio in fiore, l’affetto delle persone amiche e degli umili.

Per aver inoltre condiviso con la città la propria prestigiosa carriera artistica, ricca di sodalizi con i principali attori e registi del cinema e del teatro nazionali, come Vittorio Gassman, il trio Solenghi-Marchesini-Lopez (nell’opera I promessi sposi), Giorgio Albertazzi e Mariangela Melato, recentemente scomparsa.
“Per aver infine contribuito alla crescita culturale di Grottammare, sostenendo generosamente con la propria competenza e autorevolezza numerose manifestazioni di successo, tra le quali l’ormai consolidato Festival dell’Umorismo Cabaret Amoremio.

Altro Premio importante è stato assegnato ad un ‘altro artista innamoratissimo di Grottammare, il comico abruzzese ‘Nduccio con la seguente motivazione: “Amico della città di Grottammare, per il  supporto, la generosità e l’impegno dimostrato in questi anni”. L’artista abruzzese ha ricevuto una targa dal suo amico Valter Assenti che 30 anni fa gli fece superare per la prima volta il Tronto, facendolo esibire alla festa di s.aureliano e rendendolo quasi cittadino rivierasco con le sue innumerevoli esibizioni negli anni a venire.

‘Nduccio emozionatissimo ha omaggiato il numerosissimo pubblico presente dichiarando che Grottammare, oltre a Ortona e Termoli, rappresenta una delle 3 città in cui avrebbe voluto rinascere e con un simpaticissimo monologo pieno di battute esilaranti.

La splendida serata, condotta magistralmente da Angelo Carestia coadiuvato dalla bella e brava teramana Manuela Cermignani è continuata con il Mago Ivan Cipolloni, Simone Valori(il barzellettiere più giovane d’Italia) e lo straordinario concerto di Bobby Solo che ha deliziato i presenti con tutte le sue hits di maggiore successo da “Una lacrima sul viso” a “Zingara” ed altre canzoni di Elvis Presley, ricevendo la richiesta di  bis.

La  serata è stata organizzata dall’Associazione Lido degli Aranci, la Confcommercio, con il contributo dell’Amministrazione della Città di Grottammare. Parte dell’incasso sarà devoluto alla Fondazione Alessandro Troiani di Ascoli Piceno affiliata all’Aill.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 525 volte, 1 oggi)