SAN BENEDETTO DEL TRONTO – H.P. una ragazza di 21 anniaveva preso il treno per sfuggire all’ennesimo atto di violenza, ma l’ex ragazzo, M.C.C. di 20 anni, rumeno, è salito sul mezzo deciso a farla desistere. L’ha fatto pestandola a sangue.

L’episodio  è accaduto a bordo dell’intercity 614 Taranto-Bologna, nella notte tra il 17 e 18 gennaio. Il giovane è stato arrestato dagli uomini della Polizia Ferroviaria di San Benedetto e dopo aver passato la notte in camera di sicurezza è stato processato per direttissima e condannato a dimorare nel proprio paese di residenza col divieto di recarsi nei luoghi frequentati dalla parte offesa e di parlare con la stessa ed i propri familiari.

La ragazza dopo essere stata medicata al Pronto Soccorso dell’Ospedale di San Benedetto, ne avrà per una settimana, è stata sentita dal comandante della Polfer, Massimo Menduini.

Nata a Forlì da genitori bosniaci, da circa un mese aveva lasciato il suo ragazzo e stava tornando a casa a bordo del treno, dopo aver subito, per molto tempo, minacce di morte anche a carico dei genitori e dopo essere stata rinchiusa per 4 giorni nell’alloggio di Apricena, in provincia di Foggia e malmenata ripetutamente.

Sull’intercity però era salito pure M.C.C. e si era portato dietro anche una bottiglia di Brandy per costringere la sua ex a bere con lui. Giunti ai confini tra Abruzzo e Marche è scattata la violenza ed ha iniziato a picchiare la giovane selvaggiamente, nonostante alcuni viaggiatori e il Capo treno provassero a fermarlo.

Una volta che il treno è arrivato alla stazione di San Benedetto sono saliti a bordo gli uomini della Polizia Ferroviaria e sono riusciti a portarlo a terra solo dopo una decisa resistenza. Il ragazzo dovrà rispondere durante il processo a reati di minacce, lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale.

La ragazza è invece apparsa molto provata dalla terribile esperienza vissuta al fianco del giovane che l’aveva più volte picchiata durante la loro convivenza, ma per paura di ritorsioni per lei e la sua famiglia, non l’aveva mai denunciato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.208 volte, 1 oggi)