SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dieci vittorie consecutive, tre pareggi di fila, anche se due conquistati in trasferta contro la prima e la quarta in classifica, e quindi non disprezzabili sulla carta. Ora, mercoledì 7 marzo, i rossoblu recupereranno finalmente la partita con l’Isernia, rinviata due volte a causa del maltempo e dei danni causati al Riviera delle Palme. Una partita molto importante e oseremmo dire decisiva. Inutile nascondersi, essere arrivati a 4 punti dal Teramo ha fatto 7 sognare tutti in una rimonta che sembrava impossibile, considerata la forza degli abruzzesi e i 12 punti di distacco accumulati già a novembre.

Alla fine del girone di andata le cose erano già cambiate, quando la Samb si è trovata a 7 punti dalla capolista, subito diventati 4 a causa della seconda sconfitta dei biancorossi, a Civitanova. Distanza rimasta inalterata, a suon di vittorie, fino allo scontro diretto e fino a domenica scorsa, quando, per la prima volta dopo tre mesi, la squadra di Cappellacci è riuscita a distanziare di ulteriori due lunghezze la Samb.

Che nel frattempo ha una partita da recuperare per cui i punti, da 6, sono momentaneamente 9.

Ecco perché la sfida con l’Isernia degli ex Covelli e Marconato assume il carattere della gara da vincere ad ogni costo. Sia per restare in qualche modo agganciati al treno della squadra capolista, sia perché andrebbe a concludere il tratto sulla carta più difficile del girone di ritorno. Anche se poi ogni partita ha storia a sé, già nel girone di andata la Samb ha accusato qualche difficoltà nelle partite iniziali, per poi sbloccarsi definitivamente nella seconda parte. La stessa cosa potrebbe accadere adesso, oltretutto considerando che Palladini da dicembre ha trovato la quadratura della squadra, con un 4-3-3 affidabile.

Questione Pazzi, contestato blandamente da qualche tifoso per l’errore di domenica a Civitanova e per l’assenza dal gol da qualche giornata, cosa per lui non abituale (e c’è da ricordare che solo in un’altra partita di questo campionato Pazzi ha commesso errori simili, e sempre nel finale della partita di andata con la Civitanovese: evidentemente c’è un conto in sospeso). L’attaccante ha giocato tutta la partita ad alti livelli, costringendo la difesa civitanovese ad un dispendio nervoso notevole. Dispendio che forse Pazzi ha pagato da parte sue non riuscendo ad essere lucido al momento dell’occasione da rete.

Mollare proprio ora non è da Samb.

ARBITRO Sarà Matteo Proietti di Terni l’arbitro di Samb-Isernia, assistito da Stefano Squarcia di Roma e Paola Culicelli di Ostia Lido.

ALTRI RECUPERI Mercoledì si giocherà anche Santegidiese-Civitanovese, Atessa-Recanatese e Atletico Trivento-Miglianico.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 448 volte, 1 oggi)