SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un tranello teso dalla maggioranza. Il Popolo della Libertà considera tale la mozione presentata venerdì dal consigliere Idv Palma Del Zompo in merito all’ormai nota giornata di mobilitazione femminile prevista per domenica 13 febbraio, che il partito berlusconiano ha deciso in massa di disertare.

“Non c’era alcun imbarazzo da parte nostra”, spiega il giorno dopo Bruno Gabrielli. “Abbiamo voluto votare il documento sulla pesca professionale di Lorenzetti perché lo ritenevamo importante, ma in seguito ce ne siamo andati. Il punto presentato dall’Idv era strumentale e creato appositamente per attaccare il Premier”.

Il candidato sindaco azzurro si lancia poi in alcune precisazioni: “La mia cultura è cattolica ed il rispetto per la donna è indiscutibile. Ma lo è come quello per l’uomo; fare distinzione tra i due sessi è già sbagliato. Non pretendo di insegnare nulla a nessuno, ma nemmeno gli altri possono permettersi di farmi la morale”. Ciò nonostante l’avvocato sambenedettese non rinuncia ugualmente a togliersi qualche sassolino dalle scarpe: “Certe prediche sono assurde se fatte da chi negli anni 70 predicava la libertà sessuale e si scagliava contro il bigottismo”.  E quando gli si domanda se forse non era il caso di restare comunque in aula e di assentarsi piuttosto al momento della votazione, la risposta è decisa: “Non ci interessava star lì ad ascoltare i soliti discorsi che ascoltiamo ogni giorno in televisione. La discussione era inutile ed inopportuna. Riteniamo che la città abbia altri problemi su cui ragionare e noi sui temi importanti ci siamo sempre stati”.

Preferisce non commentare l’accaduto invece Luca Vignoli, che tuttavia prima di abbandonare l’assise aveva fatto notare alla Presidente del Consiglio come all’appuntamento mancassero tutti gli assessori della giunta (si è presentato solo Capriotti, ma a Consiglio inoltrato). “Non mi va di addentrarmi in queste polemiche. Lo fanno apposta: usano l’assise per tirarci dentro a vicende nazionali. Non bisogna cascarci”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 280 volte, 1 oggi)