MARTINSICURO – Le prostitute che passeggiano lungo le strade cittadine saranno soggette a multe al pari dei clienti. Per contrastare il fenomeno della prostituzione a Martinsicuro, il sindaco Di Salvatore annuncia un inasprimento delle sanzioni economiche, che interesseranno non solo chi si ferma a contrattare prestazioni sessuali (in base all’ordinanza emessa nel 2008, con cui si applicano multe da 50 a 500 euro), ma anche le professioniste del sesso. Un modo per arginare il fenomeno esercitato per la maggior parte negli appartamenti, ma che negli ultimi tempi si sta riversando anche lungo alcune strade cittadine, tra cui il lungomare.

Un provvedimento simile è già stato adottato nel Comune di Ancarano, e ha prodotto nei giorni scorsi le prime cinque sanzioni, comminate nel corso di un blitz notturno di Vigili Urbani e Carabinieri a ragazze sorprese a passeggiare lungo la strada della Bonifica in abiti succinti, mostrando atteggiamento da adescatrici.

Una simile ordinanza sarà fatta anche a Martinsicuro, anche se lo stesso Di Salvatore, nel corso del Consiglio comunale, ha espresso alcuni dubbi legati all’applicabilità del provvedimento: «ad essere contestati saranno l’atteggiamento e il decoro – ha spiegato – ma la questione è piuttosto complessa, dato che le prostitute che cercano di adescare i clienti sul lungomare non hanno abiti succinti e sono vestite in maniera affatto appariscente, tanto da poter essere scambiate per comuni ragazze a passeggio. La legge che permette di individuarle dall’abbigliamento pertanto non ci aiuta in tal senso. Proveremo a far valere la regola dell’atteggiamento».

Il sindaco ha anche annunciato che molto probabilmente anche quest’estate il posto di Polizia estivo dovrebbe essere di nuovo a Martinsicuro, di comune accordo con i sindaci di Alba Adriatica, Tortoreto e Giulianova. Le quattro amministrazioni hanno presentato formale richiesta al Ministero per avere il distaccamento, impegnandosi a fornire una sede e a sostenere per un periodo di tre mesi le spese di vitto e alloggio per dodici agenti (50mila euro, da suddividere tra i quattro Comuni). «Il Questore avrà un incontro al Ministero a breve – ha aggiunto il sindaco – e mi ha anticipato che ci sono buone possibilità che il posto di Polizia venga assegnato a Martinsicuro».

Di Salvatore poi, nel corso di un Consiglio comunale piuttosto acceso, in cui maggioranza ed opposizione si sono duramente scontrate sull’approvazione del Bilancio di previsione 2010 e sul Piano Casa, ha annunciato che non si ricandiderà alle amministrative del 2012. «Se questa amministrazione avrà deluso le aspettative dei cittadini non sarà premiata alle prossime elezioni. Per quello che mi riguarda voglio tranquillizzare quanti temono un mio ritorno sulle scene: al termine di questo mandato non ho alcuna intenzione di ricandidarmi».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.880 volte, 1 oggi)