Samb. Un’altra sconfitta che non meraviglia ormai più di tanto. Tant’è che l’obiettivo penultimo posto è diventato l’unico traguardo a disposizione. Anzi potrebbe essere occupato (con la Samb ultima) dai lagunari, se mercoledì i neroverdi batteranno il Legnano nel recupero. Saranno decisive a tal scopo le prossime due gare contro le uniche formazioni che potrebbero “salvarci” dalla retrocessione diretta: Lecco e Venezia. Entrambe sono di grandissima difficoltà, la prima inaspettata, la seconda perché in casa di un Venezia che si sta riprendendo e che si è dimostrata superiore ai rossoblu nella gara di andata; ecco alcuni commenti ascoltati al Riviera dopo quel doloroso 1-3: «La migliore squadra finora affrontata», «Sconfitta meritata», «Arriverà ai play off», frasi che ora non sembrano… vere.
Passiamo ora alla difficoltà Lecco che, se vista superficialmente, sembrerebbe la più facile delle partite. Non è così e lo spiego con una semplice constatazione: quattro squadre hanno perso meno partite fuori casa, eccole: Reggiana, Spal, Verona e… Lecco. Appena quattro volte contro le dieci della Samb. E domenica prossima i lombardi giocheranno fuori casa contro una squadra che ha fatto meno gol di tutte in casa, appena otto, di cui sei in due gare.
Insomma per evitare l’ultimo posto serve una specie di miracolo che non avverrà sciuramente in una situazione ambientale come quella attuale. Facciamo qualcosa.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.668 volte, 1 oggi)