SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Due arresti e altrettante denunce: questo l’esito di un’operazione contro l’immigrazione clandestina compiuta dai Carabinieri di San Benedetto in alcuni cantieri edili del territorio.

A finire nei guai un 65enne di Ripatransone, denunciato per aver realizzato un fabbricato senza rispettare i vincoli paessaggistici previsti per l’area. Analoga sorte è toccata ad un albanese di 40 anni: i militari dell’Arma hanno accertato che l’uomo, titolare di una ditta a Monteprandone, aveva come dipendenti due suoi connazionali, risultati clandestini. Per loro il questore di Ascoli ha emesso un decreto di espulsione dal territorio nazionale.

Nel corso di altri controlli effettuati in alcune fabbriche della zona, sono stati arrestati due cittadini cinesi: su di loro pendevano già provvedimenti di espulsione dei prefetti di Varese e Milano.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 469 volte, 1 oggi)