SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Samb non ha paura. Che sia senza allenatore che affronti una squadra di prestigio come la Ternana, i rossoblu hanno fatto la loro bella figura. Botta e risposta tra le due formazioni che non hanno di sicuro annoiato il pubblico presente. Un primo tempo dignitoso, ben combattuto con manovre limpide ma di qualità a dimostrazione delle due reti segnate, una per parte. È la Ternana al quarto d’ora ad impensierire Rosati con un palo di Frick da 30 metri. Nulla si può al 21’ quando Mancino batte un corner a rientrare, Rosati e Fabio Femiano appostati sul primo palo non si capiscono e la palla scivola in rete. La Samb tenta la reazione subito dopo con un destro di Martini a limite dell’area che si impenna di poco sopra la traveresa. Trascorre un solo minuto e i rossoblu pervengono al pareggio. Martini sguscia in area, supera due avversari, giun ge sul fondo, mette a sedere Berni, serve centralmente Tedoldi che di potenza gonfia la porta sgurnita. Al 39’ la Ternana può passare in vantaggio. Paolucci manca l’anticipo su Perna già in corsa verso Rosati il quale esce troppo presto dando la possibilità all’avversario di calciare un velenoso diagonale che termina a fin di palo. Allo scadere Montero sgambetta a limite dell’area Martini lanciato a rete. Il direttore di gara ammonisce il giocatore ospite e assegna la punizione alla Samb. Sulla palla va Melunovic, tiro debole che sorprende la barriera ma non Berni.
Nella ripresa girandola di sostituzioni come vuole il rituale di ogni amichevole che si rispetti. Le rispettive panchine prendono il posto di diversi compagni. Un inizio in cui la Samb è apparsa reattiva fino al 51’ qunado un cross dalla destra di Mancino becca la perfetta elevazione solitaria di Fattori che anticipa l’uscvita di Rosati. La Ternana, così, passa di nuovo in vantaggio. Ha l’occasione di fare il tris, Mancino colpisce la traversa con Di Dio leggermente fuori dai pali. Al 63’ la Samb ha l’occasione di riportarsi in parità ma lo stacco di testa di Macaluso è impreciso. All’81’ una incursione laterale dalla sinistra di Pacilli mette paura a Di Dio, il pallone colpisce l’esterno della rete dando l’illusione del gol. Il tris giunge comunque a due minuti dal termine. Punizione di Mancino, tocco di Montero e sfera in rete.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 413 volte, 1 oggi)