1

Annulliamo le elezioni “politiche” del 2013, che è meglio

Il problema "spread" dovrebbe perdere di importanza grazie all'intervento della Banca Centrale Europea (in ritardo di 18 mesi...). Ne resta però un altro: le politiche nazionali non saranno più decise dal Parlamento italiano e dal Governo ma dai funzionari della Bce e dal Fondo Monetario Internazionale. Che così entra in Europa dalla porta principale

2

Leghisti di sinistra e “maiali” italiani

Rinfacciavano alla Lega Nord un eccesso di egoismo e razzismo nei confronti dei meridionali. Ora invece condividono le identiche politiche su scala europea, nonostante loro stessi ne siano vittime. Paradossi di una nazione privata di un aspetto fondamentale: l'orgoglio di lottare per la libertà

3

Se “Il Fatto Quotidiano” dipende da Feltri. Stefano, Feltri

Continua l'enigmatico percorso del quotidiano di Padellaro e Travaglio: dopo la fine del berlusconismo, non sanno che pesci pigliare per descrivere il golpe finanziario. Dopo le gaffe di Marco Lillo e le boutade di Fabio Scacciavillani, è il giornalista economico Stefano Feltri a far paura: appoggia Sarkozy e critica il Monti che spera di cambiare le regole Ue. Imbarazzante

12

Non perdonarli, perché sanno quel che fanno

Il dato è definitivamente tratto ed ora l'Italia diventerà fatalmente un paese del Terzo Mondo: senza governo, senza Stato, senza moneta, senza politica, senza beni pubblici. I nomi degli esecutori sono noti, e la "strana maggioranza" è complice del patibolo per l'esecuzione

5

Svegliamoci, svegliatevi, svegliateci

Da Rai Storia ai 300 milioni di marchi di Kohl alla Gioventù Hitleriana. Dalla finanza internazionale che sgancia Monti ("Troppa austerità, rischio recessione e una spirale dalla quale sarà difficile uscire") alla democrazia dello spread (a 400)

4

Lidia Undiemi lascia l’Idv: “Di Pietro e Orlando, dite la verità ai cittadini sulla finanza”. Viva Lidia Undiemi

Una lettera dettagliata e cruda sugli effetti del Fondo Salva Stati Europeo (Esm): "Struttura sovranazionale che pretende di gestire le risorse dei cittadini con immunità di giurisdizione e benefici di casta. La politica nazionale venduta ai poteri forti. Qui c'è in gioco la vostra vita. Talvolta vi osservo e vedo uomini talmente affannati a vincere le elezioni da perdere di vista se stessi e il significato della politica"