Tag giorgio napolitano

1

Giorgio Napolitano, l’estremista

L'obiettivo è sempre lo stesso: ridurre in ogni modo gli spazi di discussione, di partecipazione, di opposizione. Ridurre quindi il cittadino a individuo sempre meno relazionale, sempre più isolato. Com'era quella frase? "La società non esiste, esistono solo gli individui". L'hanno imparata a memoria. In tanti.

0

Contestare il job act e accettare l’euro è come contestare le leggi razziali ma non il fascismo

La Troika ordina e l'unione monetaria obbliga alla svalutazione di salari e stipendi.Documento BCE: "Necessario accrescere la flessibilità del processo di determinazione dei salari rendendo meno vincolante la normativa a tutela dell’occupazione abolendo i meccanismi di indicizzazione dei salari, riducendo i salari minimi. Una sensibile, effettiva riduzione del costo del lavoro è particolarmente urgente"

9

Il Vero Potere spreme Renzi: Scalfari & compari spingono la Troika in Italia

Fino a poche settimane fa osannato come salvatore della Patria nonostante l'inconsistenza programmatica, nel giro di un mese i trombettisti come il fondatore di Repubblica, Roberto Napoletano, Galli Della Loggia e De Benedetti hanno avviato un'azione di demolizione continua e feroce. C'è un solo obiettivo: cinesizzare l'Italia e affidarne il destino alle potenze d'Oltralpe

9

Ecco il Piano B: vendere l’Italia. Ora

L'ultimo nodo attorno al collo va stretto attraverso il previsto piano di dismissioni del patrimonio pubblico italiano: Monti, cautamente, prevedeva realizzi di 15-20 miliardi l'anno, ma era campagna elettorale. Al popolo le brioches anti-casta. Ma ci sono tre incognite: Berlusconi, il disfacimento del Pd, il M5S

6

Amato tuo. Spieghi cosa ha combinato con Deutsche Bank (e tanto altro)

Potrebbe essere per la terza volta Presidente del Consiglio il "senior advisor" della banca tedesca la quale avviò la speculazione sui Btp nel 2011 facendo dire a Prodi "sono sconvolto" e agli economisti che DB "è la principale protagonista della speculazione contro l'Italia". E sul Trattato di Lisbona: "Fu deciso di renderlo illeggibile per evitare che venisse sottoposto nuovamente a referendum"

13

Napolitano presidente? Quasi sicuramente sì, ma se i bersaniani rendono ‘pan per focaccia’…

Ha probabilmente vinto l'inciucio e quindi la vittoria di Berlusconi se non uscirà fuori un altro scherzetto tipo quello per Marini ma a "coalizioni interne" invertite. Una vittoria (comunque di Pirro) per il Pdl che rappresenta una sconfitta del Pd ancora peggiore delle mancate elezioni di Marini e Prodi. Fra due ore ne sapremo di più

12

Colpe Napolitano

Non esistono norme Costituzionali che consentono la creazione di commissioni da parte del Presidente della Repubblica. E i regolamenti parlamentari prevedono 14 commissioni permanenti e altre speciali che "devono essere composte rispettando la composizione" delle Camere. Opporsi per evitare future svolte autoritarie "del presidente"

45

Napolitano fa il regalo di Pasqua a Grillo: sì allo “pseudo-governo” M5S

Adesso se ne sarà capace, il M5S potrà attuare la strategia preferita, quella chiesta e ovviamente negata: prendere, o lasciare. Nessuna trattativa. Quindi conflitto di interessi, rimborsi elettorali ai partiti, Tav, finanziamenti alla stampa, e via discorrendo. Con la possibilità di dire, ad ogni (probabile) rifiuto: "Eccoli, Pdl e Pd-elle, uguali. Casta!"

16

Napolitano era contrario a “questo” euro: “Rafforza la Germania, penalizza i paesi deboli”

13 dicembre 1978, l'Italia discute l'ingresso nello Sme, anticamera della moneta unica. Lucido il discorso del futuro Presidente della Repubblica: "La resistenza tedesca a dare garanzie economiche per il riequilibrio interno della Comunità imporrà una linea di rigore a senso unico e di tagli ai salari: servono garanzie per l'economia altrimenti sarà un grave problema". Peccato che oggi l'ex comunista migliorista ignori le sue convinzioni