MONTEPRANDONE – Nell’ambito del 71esimo raduno dellAssociazione Nazionale Bersaglieri che si terrà dal 2 al 5 maggio ad Ascoli Piceno, il Comune di Monteprandone ospita la Fanfara Roberto Lavezzeri di Asti.

Sabato 4 maggio, alle 21, nel borgo storico di Monteprandone, dopo la deposizione di una corona sul Monumento ai Caduti di tutte le guerre da parte dell’Amministrazione comunale, le squillanti trombe della Lavezzeri sfileranno per le vie e le piazze del vecchio incasato e si esibiranno in un concerto per la cittadinanza. L’ingresso è gratuito.

La Fanfara dei bersaglieri di Asti nasce negli anni cinquanta nell’ambito della sezione Bersaglieri Roberto Lavezzeri. Le prime uscite della neonata fanfara, composta da una quindicina di elementi, si svolgono per lo più nell’astigiano. All’inizio degli anni settanta, la fanfara partecipa ai suoi primi raduni nazionali.

Dopo una pausa di una decina di anni, nel 1984, viene ricostituita con un organico di circa venti elementi che ben presto diventeranno una quarantina di ottoni, portando la fanfara di Asti al livello delle migliori fanfare in congedo presenti in Italia.

Oltre ai numerosi concerti nella regione piemontese e all’immancabile presenza ai raduni nazionali, le squillanti trombe della Lavezzeri hanno oltrepassato i confini nazionali con una splendida uscita a Parigi (1996), a Monaco di Baviera (2003) e ancora in Francia a Grasse (2007), a Cannes (2009), a Chambery (2011), a Dax (2015), a Mazamet (2016) e a Verdun (2018) in occasione del centenario della fine della Prima Guerra mondiale. Più recenti sono i concerti svolti nei Consolati italiani di Dortmund, in terra tedesca nel 2019 e Ginevra lo scorso anno, per i festeggiamenti della Festa della Repubblica.

In occasione del 54° Raduno Nazionale bersaglieri, svoltosi a Vercelli nel 2006, la Fanfara di Asti ha avuto l’onore di presenziare quale fanfara ufficiale della manifestazione. Grazie al successo ottenuto a Vercelli il comitato organizzatore del 55° Raduno Nazionale, svoltosi a Napoli, ha voluto far presenziare la Lavezzeri quale Fanfara donore. Anche in occasione del Raduno Nazionale di Torino svoltosi nel 2011, dedicato al 150° Anniversario dellUnità dItalia la fanfara di Asti è stata prescelta come fanfara donore.

La Lavezzeri ha festeggiato il 30° anniversario della ricostituzione in occasione del 62° Raduno Nazionale che si è svolto proprio ad Asti a giugno del 2014. Nello stesso anno la città di Cherasco, che ha dato i natali al primo bersagliere d’Italia, ha conferito alla fanfara “Lavezzeri” la cittadinanza onoraria.

Altro importante impegno dei ragazzi della Lavezzeri è stato il Raduno nazionale dei Bersaglieri svoltosi a Cuneo nel 2022: la fanfara di Asti, fanfara donore del raduno, ha contribuito in modo determinante allo straordinario successo ottenuto da questo importante evento.

Quest’anno, in concomitanza con i festeggiamenti per il centenario dell’Associazione Nazionale Bersaglieri, la fanfara festeggerà i suoi 40 anni dalla ricostituzione: un importante traguardo che darà ancora più slancio verso nuovi successi ai bersaglieri astigiani.