FERMO – Polizia di Stato, controlli straordinari del territorio: ancora grande attenzione ai comuni di Fermo (Lido Tre Archi) e Porto Sant’Elpidio. Segue la nota della Questura:

«Il personale della Questura di Fermo, il Reparto Prevenzione Crimine, con l’ausilio dell’unità cinofila della Guardia di Finanza, hanno effettuato una serie di servizi straordinari di controllo del territorio finalizzati a contrastare l’illegalità diffusa, con particolare riguardo ai reati predatori, al rispetto del Testo Unico di Pubblica Sicurezza da parte di alcuni locali pubblici, per contrastare  l’abusivismo, nonché i crimini legati allo smercio di droga.

Il servizio straordinario ha permesso di effettuare 2 posti di controllo, identificare 16 persone e controllare 15 autovetture nonché sanzionarne 2, in quanto non in regola con la prescritta revisione e assicurazione.

Durante il predetto servizio, un equipaggio del Reparto Prevenzione Crimine di Perugia notava 4 ragazzi in un parco a Porto Sant’Elpidio parlare fra loro e, alla vista della pattuglia, uno di questi si allontanava repentinamente.

I poliziotti, quindi, si avvicinavano al ragazzo e quest’ultimo, accorgendosene, iniziava a correre dandosi alla fuga, dapprima verso una scarpata e successivamente si arrampicava per raggiungere la strada sovrastante. I Poliziotti lo rincorrevano a piedi e giunti nei pressi di un garage notavano quest’ultimo nascondere qualcosa. Sul posto, quindi, intervenivano i cinofili della Guardia di Finanza che, grazie al fiuto infallibile dei colleghi a “4 zampe”, immediatamente rinvenivano 5 involucri di sostanza stupefacente di circa 75 gr di hashish. L’immediata perquisizione personale e poi domiciliare permetteva agli agenti di rinvenire altro quantitativo di sostanza stupefacente, banconote di piccolo taglio, 7 coltelli di varia misura, un bilancino e altri oggetti tipici per il confezionamento della sostanza. 

L’attività svolta permetteva di deferire il ventenne all’Autorità Giudiziaria per il reato di cui all’Art. 73 co. 5 del DPR 309/90 e la droga sottoposta a sequestro penale».