MONTEPRANDONE – E’ stata una grande festa per i bambini e le bambine che, accompagnati dalle loro famiglie, insieme all’associazione Centopercento dei commercianti e artigiani, all’Amministrazione comunale, hanno accolto Babbo Natale nel suo Rifugio al GiovArti di Centobuchi.

In tanti hanno voluto partecipare all’apertura della manifestazione Natale al Centopercento che ormai da 8 anni anima le festività natalizie a Monteprandone. Dopo il taglio del nastro presso il Rifugio ci si è spostati in piazza dell’Unità dove è stato aperto il Mercatino delle Botteghe del Paese ed è stato dato spazio al divertimento con Pino il Pinguino, gli Elfi Trampolieri.  

Il ricco calendario del Natale al Centopercento prosegue nel giorno dell’Immacolata, a Centobuchi oltre all’apertura del Rifugio e del Mercatino, dalle ore 15:30, ci sarà lo spettacolo di magia di Mr. Ego e alla sala audiocinema del GiovArti le proiezioni delle pellicole del regista Ernesto Vagnoni il cortometraggio Oltre il goal (ore 16) e il film Finché c’è il sole  (ore 17). 

A Monteprandone si terrà l’inaugurazione Mostra di Arte Presepiale curata dell’associazione di Arte presepiale di Monteprandone “Segui la cometa”. Giunta alla sua 27esima edizione, la mostra torna quest’anno presso la sua sede storica, Palazzo Parissi da poco riqualificato dall’Amministrazione comunale.  

“La novità di quest’anno – fanno sapere gli organizzatori – è il numero considerevole di diorami, provenienti da tutta Italia, che andranno ad riempire le pareti della sala Domenico Gangale, creando una processione visiva di sfondi prospettici ed architettonici mozzafiato. Accanto ai diorami, immancabili i presepi aperti, a tutto tondo, veri capolavori di quest’arte secolare. Le opere esposte sono il frutto del sapiente lavoro profuso da artisti italiani e stranieri: nomi poco noti al grande pubblico, ma punti di riferimento nel panorama presepiale internazionale”.

L’esposizione, fortemente voluta dal suo ideatore, Giovanni Rosati, e dai suoi collaboratori più stretti, si prefigge di diffondere e divulgare tecniche e conoscenze, che altrimenti andrebbero perse in un’epoca, quella contemporanea, in cui il valore del Natale ha ceduto il passo al consumismo e ad un non meglio precisato buonismo, facendo perdere il senso vero di questa Festa.

“Fino a prova contraria – spiega Rosati – il Natale è ancora la celebrazione della Nascita di Gesù che, Bambino, viene presso gli ultimi, umili e poveri, per un messaggio di speranza che riguarda tutta l’Umanità, nessuno escluso. La mostra si offre ai visitatori come un percorso che invita alla riflessione: verso quale società ci stiamo avviando? c’è ancora spazio per la solidarietà? siamo atomi solitari o cellule interconnesse? Un osservatore che si ponga con animo sereno e mente aperta di fronte a ciascuna opera potrà trovare risposte a domande che non immaginava di potersi porre. Basta varcare la soglia di Palazzo Parissi per vivere questa magica esperienza. Dall’8 dicembre 2022 all’8 Gennaio 2023, le porte della mostra rimarranno aperte a tutti per un numero di visite illimitato: come si fa a non approfittarne?”. 

L’inaugurazione della mostra avrà inizio alle ore 15:30. Sarà aperta fino al 24 dicembre, dalle 15.30 alle 19.30 (solo festivi e prefestivi) e dal 25 dicembre all’8 gennaio dalle 15.30 alle 19.30  (tutti i giorni). 

Sempre giovedì 8 dicembre, dalle 17 inizia la festa in piazza con l’accensione delle luminarie, i Canti sotto l’Albero a cura delle bimbe e dei bimbi della scuola dell’Infanzia Borgo da Monte, lo spettacolo “Santa Nicolaus e la storia di Babbo Natale”  e le “Stuzzicherie” curate dalla Proloco Monteprandone  e delle attività del Borgo Storico. 

Tutti gli eventi del Natale al Centopercento sono ad ingresso gratuito. Ricordiamo che sarà a disposizione un servizio di bus navetta gratuito, da piazza dell’Unità a Centobuchi al Borgo Storico Monteprandone.