MONTEPRANDONE – “La forte scossa di terremoto di questa mattina, proprio a ridosso dell’apertura delle scuole, ci ha visti subito impegnati nei sopralluoghi di verifica negli edifici di Monteprandone”.

Così il sindaco di Monteprandone, Sergio Loggi, alle 8.55 sui canali Social, dopo il sisma nella mattinata del 9 novembre: “Nonostante al momento non si ravvisino problemi strutturali, in via precauzionale, per la sicurezza di studenti, docenti e personale scolastico, ho comunque deciso di chiudere le scuole di ogni ordine e grado”.