MONTEPRANDONE – C’è tempo fino al 10 novembre 2022 per iscriversi al servizio di Doposcuola rivolto ai bambini frequentati gli ultimi tre anni della scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo Monteprandone. 

Sotto la guida di operatori professionisti, i ragazzi svolgeranno attività formative ed educative. Verrà anche attivato un laboratorio di alfabetizzazione informatica e sull’uso consapevole di Internet e dei social media con attenzione ad opportunità e pericoli della rete come il cyberbullismo.

Il servizio è gratuito e si svolgerà in orario pomeridiano presso il plesso scolastico di via Benedetto Croce a Centobuchi, dal lunedì al venerdì, dalle 15:30 alle 17:30. Il trasporto è a carico delle famiglie. 

Le domande, redatte su apposito modello disponibile presso l’Ufficio Servizi Sociali di Monteprandone, lo sportello Informativo della Delegazione Comunale di Centobuchi o sul sito istituzionale del Comune alla pagina www.comune.monteprandone.ap.it/politiche-educative/, vanno presentate entro il 10 novembre 2022 con una sola delle seguenti modalità: 

  • consegna a mano presso ufficio Servizi Sociali a Monteprandone oppure Sportello Informativo o Ufficio Protocollo a Centobuchi;
  • via posta all’indirizzo: Comune di Monteprandone – Piazza dell’Aquila, 1- 63076 Monteprandone (AP);
  • a mezzo fax al n. 0735 62541;
  • via email protocollo@comune.monteprandone.ap.it ;
  • via P.E.C. comune.monteprandone@emarche.it 

In base al numero di domande pervenute, il Comune si riserva di organizzare gruppi di studenti con frequenze limitate solo ad alcuni giorni settimanali. Nel caso in cui pervengano più domande di quelle che potranno essere accolte sarà data priorità ai nuclei con Isee più basso. Le iscrizioni fuori termine possono essere accolte solo se compatibili con l’organizzazione del servizio.

“Confermiamo per il quarto anno consecutivo uno dei molteplici servizi offerti dal Comune in materia di politiche per i minori e la genitorialità – dichiara il vicesindaco con delega all’istruzione Daniela Morelli – negli anni abbiamo capito che, l’attività di accompagnamento degli studenti oltre l’orario scolastico, da un lato favorisce la socializzazione tra i nostri ragazzi e le nostre ragazze, indispensabile soprattutto oggi dopo il distanziamento sociale maggiormente subìto dai nostri giovani a causa della pandemia; dall’altro offre un servizio gratuito e risposte adeguate a molte famiglie, rendendo più facile conciliare i tempi di vita e quelli del lavoro”.