SILVI – I Carabinieri della Compagnia di Giulianova hanno eseguito l’arresto di un 38enne di Silvi, accusato di spaccio di stupefacenti ed estorsione e coinvolto nell’incendio minatorio di un natante. Durante le indagini i Carabinieri hanno recuperato circa 500 grammi di cocaina e sequestrato la somma di 25mila Euro in contanti.

Segue la nota dell’Arma giuliese:

«In data 26 ottobre 2022, i Carabinieri della Compagnia di Giulianova hanno eseguito un’Ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 38enne di Silvi, ritenuto responsabile di spaccio di sostanze stupefacenti ed estorsione.
L’attività trae origine da alcuni episodi di danneggiamento di imbarcazioni avvenuti a Silvi tra l’ottobre ed il dicembre 2019, a seguito dei quali un natante, utilizzato per la pesca da strascico, veniva dato alle fiamme.
Inizialmente veniva ipotizzato che il movente di tali danneggiamenti andasse ricercato in una volontà ritorsiva nei confronti delle vittime (padre e figlio), “colpevoli” di una presunta attività “delatoria” nei confronti di soggetti coinvolti in precedenti indagini condotte dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Teramo. Tuttavia, i Carabinieri del NORM della Compagnia di Giulianova, non escludendo altre piste investigative, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Teramo, appuravano, invero, che la motivazione degli eventi incendiari fosse da ricondurre a debiti connessi con lo spaccio di sostanze stupefacenti.
Infatti, le investigazioni, svolte tra l’aprile 2020 e la primavera del 2021, hanno consentito di accertare una fiorente attività di spaccio di sostanze stupefacenti, in Silvi e zone limitrofe, che fruttava circa 1000,00 Euro al giorno. Inoltre, è stato accertato che l’odierno indagato era particolarmente sensibile ed attento a che tutti i propri clienti pagassero le cessioni della sostanza stupefacente, non astenendosi a condotte estorsive, supportate anche da aggressioni fisiche o lesioni, nei confronti dei morosi. Durante le indagini i Carabinieri hanno recuperato circa 500 grammi di cocaina e sequestrato la somma di 25.000,00 Euro in contanti.
Nel corso dell’attività 40 persone circa, tutte assuntrici di cocaina, sono state segnalate alla Prefettura di Teramo ai sensi dell’art. 75 D.P.R. 309/90».