MONTEGIORGIO – Sono stati denunciati dai Carabinieri della Compagnia di Montegiorgio tre web-truffatori, i quali attraverso una collaudata tattica intascavano dagli acquirenti le somme pattuite senza però consegnare i prodotti. Segue il comunicato dell’Arma:

«Nel rispetto dei diritti delle persone indagate, da ritenersi presunte innocenti in considerazione dell’attuale fase del procedimento – indagini preliminari – fino ad un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile, ed al fine di assicurare il diritto di cronaca costituzionalmente garantito, si comunica che, nell’ambito dell’attività di contrasto ai reati di natura predatoria, perpetrati sulla rete internet e tramite social network, nei giorni scorsi i militari della Compagnia Carabinieri di Montegiorgio hanno denunciato a piede libero un uomo ed una donna straniera, lui 29enne e lei 45enne, entrambi del capoluogo campano, autori di una truffa on-line in danno di un 62enne di Amandola (FM) rimasto vittima del classico raggiro consistente nel far accreditare la somma (in questo caso pari a circa mille euro) per l’acquisto di un motore per un veicolo fuoristrada, proposto in vendita ad un prezzo scontato su piattaforma di vendita on line. Sempre a Montegiorgio (FM) i militari della Stazione dei Carabinieri, a conclusione di approfonditi accertamenti hanno identificato e denunciato in stato di libertà un 38enne del capoluogo pugliese, poiché nel mese di settembre scorso, con il pretesto di vendere on-line quattro cerchi in lega, aveva truffato un giovane di Magliano di Tenna (FM) riuscendo a farsi accreditare da quest’ultimo, su una carta prepagata, la somma di circa 200 euro, per poi rendersi irreperibile. La tecnica utilizzata per questa truffa è oramai collaudata e si basa per lo più nel creare un equivoco intorno alle modalità del passaggio dei soldi dal conto corrente alla Postepay o ad una prepagata, o meglio l’utente è convinto che sta effettuando un bonifico in suo favore, ma in realtà quella somma sta finendo sul conto del malintenzionato. Bisogna fare sempre attenzione, in particolare quando si effettuano acquisti e non si conosce l’identità dell’acquirente. Se ci si rende conto di aver accreditato un importo a un finto acquirente, il consiglio è quello di avvertire immediatamente le Forze dell’Ordine e di denunciare l’accaduto».