GROTTAMMARE – Il progetto definitivo della messa in sicurezza del ponte è stato presentato questa mattina a Palazzo Ravenna alla presenza del sindaco Enrico Piergallini e dell’ingegnere Fabio Carminucci, responsabile del progetto.

Il ponte, proprio per motivi di sicurezza, fu chiuso per due mesi nella primavera del 2017 e costrinse la giunta Piergallini a realizzare delle opere provvisionali per consentirne la riapertura entro l’estate. Rimaneva tuttavia la necessità di reperire dei fondi sufficienti a costruire un’opera sistemica.

L’amministrazione partecipa dunque al bando “Messa in sicurezza edifici e territorio” – inizialmente finanziato solo dal Ministero dell’Interno, poi dal Pnrr – e ottiene, nel 2021, 600mila euro di fondi.

L’ingegnere Carminucci descrive il progetto definitivo, il primo vero intervento sul ponte dagli anni ‘60: “Nella prima fase sono state fatte delle indagini per verificare lo stato di salute del ponte. Sono emersi alcuni elementi degradati: gli zatteroni di fondazione, le pile con i ferri a vista, le piastre d’appoggio in acciaio, le quattro travi longitudinali. Indagini geologiche hanno inoltre evidenziato uno strato di ghiaia alla base poco addensato”.

L’ingegnere spiega poi la seconda fase, quella della realizzazione vera e propria. L’intervento di messa in sicurezza riguarderà quattro campate su sette. Verranno consolidate le fondazioni e risanato il calcestruzzo. Per consolidare la ghiaia alla base, verrà effettuato uno scavo sotto ogni pila e riempito il terreno con una malta speciale. Successivamente, con dei macchinari, si inietterà la stessa malta a pressione per creare maggiore consolidamento. Su zatteroni e pile, con martello pneumatico, si toglierà il calcestruzzo deteriorato per applicare un tipo di malta specifico e verranno sostituite le barre d’acciaio usurate. Le piastre d’acciaio corrose, invece, verranno ricoperte con una sabbiatura e verrà applicata poi una mano di antiruggine e di smalto protettivo.

“Sarà per me una soddisfazione personale vedere la chiusura del ponte per motivi di sicurezza all’inizio del mio mandato e contribuire oggi a restituirlo rinnovato”, conclude Piergallini.