TERAMO – Un soggetto residente nel Teramano è stato denunciato per aver istituito un commercio basato sulla piattaforma IPTV, forma di pirateria audiovisiva digitale che consente di trasmettere illegalmente i canali della Pay tv. Segue il comunicato delle Fiamme Gialle:

«Al termine di articolate indagini di Polizia Giudiziaria eseguite dai finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Teramo a contrasto della pirateria audiovisiva digitale, è stato svelato un sistema truffaldino perpetrato da un soggetto residente nel Teramano tramite il sistema IPTV, che consente la trasmissione di segnali televisivi su reti informatiche.
Nello specifico, gli utenti finali pagavano il corrispettivo pattuito in contante o effettuando ricariche su carte postepay riconducibili all’indagato, elargendo una somma di gran lunga inferiore rispetto al reale canone dovuto al fornitore del servizio televisivo. Si tratta, in sintesi, di un procedimento attraverso il quale alcuni soggetti sono in grado di decriptare il segnale delle pay tv; successivamente i codici di decodifica vengono ceduti a dei “reseller”, che si occupano di rivenderli a clienti compiacenti, al fine di poter visionare, in maniera del tutto illegale, i programmi criptati – anche sportivi – delle più note piattaforme digitali.
L’attività è stata condotta dal Gruppo di Teramo e coordinata dalla locale Procura della Repubblica, sviluppandosi attraverso l’acquisizione di significative prove testimoniali e nell’analisi forense delle numerose strumentazioni informatiche sottoposte a sequestro, eseguita da finanzieri specializzati.
Le indagini tecniche hanno altresì consentito di individuare 26 clienti finali, dal 2017 al gennaio 2022, tutti sanzionati sotto il profilo amministrativo e di quantificare il giro d’affari illecito in 2.400 euro circa mensili».