SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Entra nel vivo la stagione dell’atletica su pista a San Benedetto del Tronto dove la prova regionale dei Campionati di società assoluti per le Marche, che vede coinvolti anche i club abruzzesi, offre subito risultati interessanti. Nel disco va oltre i sessanta metri Giovanni Faloci, finanziere umbro che difende i colori del team di provenienza, l’Atletica Avis Macerata.

L’azzurro delle Olimpiadi di Tokyo spedisce l’attrezzo a 60.22 centrando la misura al primo lancio, ma nella sua serie c’è anche un 60.10 al quinto, mentre nella stessa gara 49.65 per Gabriele Rossi Sabatini (Team Atl. Marche) e 41.12 dello junior Massimo Ciferri (Sport Atl. Fermo). Sulla pedana del peso il migliore è Lorenzo Del Gatto (Tam), montegiorgese dei Carabinieri, con 18.63 per superare il 16.51 di Giovanni Faloci. Sempre dai lanci, ma nel martello, conferma su buoni livelli del tricolore assoluto invernale Giorgio Olivieri (Tam/Carabinieri) con 71.99 davanti al 64.24 del non ancora ventenne Gregorio Giorgis (Atl. Avis Macerata).

Test sui 400 del campione europeo U23 degli 800 Simone Barontini (Sef Stamura Ancona/Fiamme Azzurre) che in 47”71 riesce a precedere uno specialista della distanza come Alessandro Moscardi (Sef Stamura Ancona, 47”81), argento continentale nella 4×400 di categoria, e Ndiaga Dieng (Atl. Avis Macerata), 48”59 per il bronzo paralimpico dei 1500 metri. Sotto i cinquanta secondi anche gli juniores Alex Ebuka Chuks (Sef Stamura Ancona, 49”89) e Federico Vitali (Atl. Avis Macerata, 49”96): entrambi pareggiano il record personale. Nei 200 metri invece Alessandro Moscardi si prende il successo in 21”53 (+1.2), a soli dodici centesimi dal proprio limite, per avere la meglio nei confronti di Fabio Yebarth (Sport Atl. Fermo, 21”78) che si era aggiudicato i 100 in 10”77 (-1.1) seguito dalla promessa Matteo Spuri (Atl. Fano Techfem, 10”88). Notevoli risultati anche nelle staffette: la 4×100 under 23 della Sport Atletica Fermo sfreccia in 42”08 a soli nove centesimi dal record regionale promesse, con Matteo Angeloni, Fabio Yebarth, Andrea Minnucci e Michele Ferracuti, e la 4×400 dell’Atletica Avis Macerata (Ndiaga Dieng, Federico Vitali, Lorenzo Angelini e Andrea Pietrella) taglia il traguardo in 3’17”55.

Al femminile l’azzurra Eleonora Vandi (Atl. Avis Macerata) vince gli 800 in 2’06”73 ma si fa notare anche la fanese Virginia Bancolini (Sef Stamura Ancona), campionessa italiana under 18 indoor, che abbassa il personale a 2’10”53. Si migliora anche la velocista Ilenia Angelini (Asa Ascoli Piceno) in 24”28 controvento (-1.1) nei 200 metri, a soli undici centesimi dal record regionale juniores di Elisabetta Vandi (Atl. Avis Macerata/Fiamme Oro) che finisce alle sue spalle in 24”81 mentre Benedetta Boriani (Sef Stamura Ancona) scende a 24”82 dopo aver conquistato il successo nei 100 e anche in quel caso con il record personale in 12”14 (-0.1). Vola il disco della junior Sofia Coppari (Atl. Fabriano) a 48.07, sfiorando il suo record regionale di 48.25, ma avvicina il personal best anche la compagna di club Gaia Ruggeri (Atl. Fabriano) nel giavellotto con 41.99.

Nell’alto rientra in pedana la sambenedettese Enrica Cipolloni (Tam/Fiamme Oro) a quota 1.76, con la campionessa italiana juniores indoor Laura Giannelli (Asa Ascoli Piceno) che salta 1.72 e Mara Marcic (Atl. Avis Macerata) a 1.67. Un’altra protagonista della stagione invernale, la tricolore under 18 al coperto dell’asta Matilde Spagna (Sport Atl. Fermo), riesce a cogliere il personale all’aperto di 3.40. Nella marcia ancora una buona prova di Giulia Miconi (Cus Macerata), dopo l’argento tricolore under 23 nei 20 km, stavolta sui 5000 metri in 24’22”11 davanti alle compagne di società Elisa Marini (25’25”50) e Anastasia Giulioni (25’28”90).

Tornando alle gare maschili, nell’alto 2,15 fuori classifica per il trentino Silvano Chesani (Fiamme Oro) con il ventenne filottranese Lorenzo Falappa (Team Atl. Marche) che sale a 1.95. Nel lungo il 15enne Andrea Tazza (Mezzofondo Club Ascoli) atterra a 6.77, nel triplo si porta a 14.15 l’allievo Mattia De Angelis (Asa Ascoli Piceno), nell’asta 3.80 per gli juniores Tommaso Boriani (Sef Stamura Ancona) e Mattia Polini (Collection Atl. Sambenedettese). La gara più lunga, quella dei 10.000 di marcia, vede imporsi la promessa Alessandro Tanoni (Cus Macerata) con 47’46”22, invece nei 3000 siepi 9’49”67 per Luigi Del Buono (Sef Stamura Ancona) e nei 1500 metri l’allievo Luciano Carallo (Collection Atl. Sambenedettese) al suo primato di 4’11”29.

Sulla stessa distanza, ma tra le donne, la pesarese Ilaria Sabbatini (Atl. Avis Macerata) prevale con 4’38”91, invece la junior avisina Margherita Forconi nei 5000 timbra il personale in 18’31”28. Tante giovani si migliorano: nei 400 ostacoli la 17enne Alice Frontalini (Tam) con 1’06”09, nel martello Vesna Braconi (Atl. Fabriano) arriva a 43.71, nel lungo 5.38 dell’allieva Alice Ripari (Atl. Ama Civitanova). La triplista sangiorgese Francesca Cuccù (Tam) salta 11.65, nei 400 metri 1’00”20 di Sofia Scorcelletti (Sef Stamura Ancona).

Primo posto in staffetta per la 4×400 del Team Atletica Marche con Alice Frontalini, Valentina Natalucci, Greta Luchetti, Angelica Ghergo in 3’53”23 e per la 4×100 dell’Atletica Avis Macerata composta da Sofia Stollavagli, Sonia Gattari, Gaia Palmieri, Chiara Menotti in 49”34.
Nelle classifiche provvisorie, dopo la prova regionale, l’Atletica Avis Macerata guida al maschile con 10.911 punti davanti a Sef Stamura Ancona (10.873) e Team Atletica Marche (10.662), ma anche tra le donne a quota 11.275 nei confronti di Tam (11.256) e Stamura (10.838). Tutti i punteggi delle società classificate potranno essere migliorati con i risultati delle gare in programma fino al 10 luglio.