SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un film purtroppo già visto in Italia, e in Riviera, si ripete anche in Galles nel Regno Unito.

Il Bangor City, club di proprietà di Domenico Serafino, ex presidente della Samb, è stato sospeso da qualsiasi attività legata al calcio dalla Faw, la Federazione gallese.

In un comunicato diffuso il 30 novembre dalla Federazione si legge: “La sospensione riguarda alcune contestazioni da parte del personale del Bangor City FC ai sensi delle Regole Faw 39.2.5 e 43.2 per presunto mancato pagamento degli stipendi. In conformità con Faw Rule 49, il Collegio Disciplinare ha ordinato al Bangor City Fc di pagare le somme in sospeso entro 31 giorni a partire dal 29 ottobre 2021. Il termine per questi pagamenti è scaduto, con conseguente sospensione automatica da tutte le attività legate al calcio fino a quel momento che il Club ottempera all’ordine”.

Nella nota della Faw si legge ancora: “Una sospensione da tutte le attività legate al calcio, vietato al Club qualsiasi coinvolgimento nel calcio”. Per vedere il comunicato integrale, clicca qui.

La società dell’ex presidente della Samb ha replicato, si fa per dire, con un post su Facebook: “Pubblicheremo nota su quanto accaduto”,

Eppure il sogno di Domenico Serafino, come annunciato in pompa magna su Radio Rai 1, durante gli Europei di Calcio, e prima di Italia-Galles, era di portare il Bangor City in Premier League.

Il nostro articolo precedente

All’improvviso Domenico Serafino: “Samb? Esperienza non felice a causa dei miei soci”

 


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.