FERMO – Riportiamo e pubblichiamo un comunicato stampa, giunto in redazione il 30 novembre, dalla Questura di Fermo.

La Polizia di Stato è da sempre impegnata nelle attività di sensibilizzazione degli automobilisti sui rischi derivanti da comportamenti pericolosi per la guida, anche attraverso numerose campagne di prevenzione ed informazione sulla sicurezza stradale alle quali fanno seguito servizi straordinari di controllo e verifica per contrastare ogni comportamento che possa costituire un concreto rischio di incidentalità. 

Nella notte tra il 27 e il 28 novembre, sull’autostrada A14 presso l’area di servizio Chienti Ovest ubicata nella nostra provincia, è stato svolto uno servizio specifico di controllo della Polizia Stradale sulle condizioni psicofisiche dei conducenti con particolare attenzione a quelle alterate dall’uso di sostanze stupefacenti e alcoliche.

L’attività, pianificata dal Compartimento Polizia Stradale delle Marche, è stata attuata in collaborazione con un laboratorio di analisi mobile ed ha consentito di individuare e segnalare al Prefetto ed all’Autorità Giudiziaria 16 persone per guida sotto l’influenza dell’alcool mentre altri 4 automobilisti sono stati denunciati per guida in stato di alterazione psico-fisica dopo aver assunto sostanze stupefacenti o psicotrope del tipo cocaina e cannabinoidi. 

Complessivamente sono state ritirate 18 patenti di guida. 

I controlli per la sicurezza della circolazione sia sulla viabilità ordinaria sia su quella autostradale proseguiranno senza sosta e verranno ulteriormente implementati nei periodi delle prossime festività per la tutela degli automobilisti in transito sulla nostra costa e per garantire la regolarità del traffico.

L’invito della Polizia di Stato è sempre quello di non mettersi alla guida se non si è in condizioni psicofisiche idonee e di non fare assolutamente uso di alcool o sostanze che possono compromettere il necessario equilibrio e l’indispensabile attenzione per tutto il viaggio.


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.