SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’articolo 4-ter del Decreto Legge 25/05/2021 73 ha previsto l’esonero dall’Imu 2021 per gli immobili destinati ad uso abitativo, posseduti da persone fisiche ed affittati, per i quali è stata emessa una convalida di sfratto per morosità entro il 28 febbraio 2020, la cui esecuzione sia stata sospesa fino al 30 giugno 2021. La norma prevede che lo stesso esonero spetti anche nel caso in cui la convalida di sfratto sia stata emessa successivamente al 28 febbraio 2020, a condizione che l’esecuzione sia sospesa fino al 30 settembre 2021 o fino al 31 dicembre 2021

La misura straordinaria rappresenta il tentativo del Governo di arginare un fenomeno che ha colpito i proprietari locatori di immobili che, pur non percependo regolarmente l’affitto, devono versare l’Imu al Comune. Il problema, legato alla crisi economica ante pandemia, è stato ulteriormente acuito dall’emergenza Covid che ha portato all’aumento delle difficoltà economiche sia per gli inquilini che per i locatari. Inoltre, per effetto dell’emergenza sanitaria sono state adottate numerose misure eccezionali che hanno comportato l’impossibilità di effettuare l’esecuzione dei provvedimenti di sfratto e di rilascio degli immobili.

Considerato che il provvedimento di esonero è stato adottato successivamente alla scadenza Imu di giugno, i contribuenti esonerati che dovessero aver versato l’imposta alla scadenza del 15 giugno possono presentare domanda di rimborso entro il 30 giugno 2022. Il modello di domanda è disponibile sul sito del Comune (area tematica “Tributi”).

Per ulteriori informazioni in merito è possibile contattare il Servizio Tributi telefonicamente ai numeri 331.2607968 – 334.6319863 il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9,30 alle 13 e il martedì e giovedì dalle 17 alle 18 o via mail all’indirizzo: tributi@comunesbt.it


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.