SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ partito nel mese di novembre, presso l’Istituto Professionale Alberghiero “F. Buscemi” il primo corso di cucina dedicato ai “ragazzi” che frequentano il Servizio di Sollievo dell’Ambito Sociale 21. Il progetto, denominato Servizio di sollievo “Famiglie in rete”, realizza uno spazio di accoglienza e di ascolto per tutte le persone affette da disturbi mentali e le loro famiglie, con l’intento di promuovere l’integrazione sociale dell’individuo.

Obiettivo dell’iniziativa è quello di favorire una cultura basata sulla cura della persona finalizzata al raggiungimento del massimo grado di autonomia possibile.

Il progetto “cucina” punta attraverso lezioni teoriche e pratiche a far raggiungere ai ragazzi del servizio un livello di autonomia di base che consenta il raggiungimento di un buon livello di autosufficienza in cucina.


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.