SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Arrivano le prime reazioni dopo la conferenza stampa svoltasi in municipio a San Benedetto, oggi 3 novembre.

Il nostro articolo precedente

Urbanistica, Spazzafumo: “Abbellire San Benedetto”. Gabrielli: “Collaborazione con imprenditori”. Tommolini: “Casse piangono ma presto Task Force”

Il comitato “Fermiamo il consumo di suolo Sbt” loda le opinioni dell’assessore all’Urbanistica Bruno Gabrielli.

Dopo le dichiarazioni rivolte al green e al recupero dell’esistente pronunciate dal politico sambenedettese, giunge con un comunicato stampa la risposta dell’associazione ecologica: “Con l’occasione di augurare un buon lavoro alla neo amministrazione sambenedettese, il Comitato Fermiamo il consumo di suolo San Benedetto non può che essere d’accordo con le prime parole espresse del neo Assessore all’Urbanistica Bruno Gabrielli in merito alla necessità che venga preservata ed ampliata la disponibilità di suolo permeabile della città e che venga effettuata un’inversione di tendenza in merito al consumo di suolo”.

Nella nota si legge: “Speriamo che queste prime buone intenzioni si tramutino in fatti con coerenza e decisione per il bene di San Benedetto. La città necessita urgentemente di una proiezione ai prossimi cinquant’anni e quindi di una visione di più ampio respiro attraverso una strategia che unisca l’esigenza di una mobilità efficiente e sostenibile e quella di nuovi ed ampi spazi verdi”.

Il comitato prosegue: “Auspichiamo inoltre che le modalità fallimentari di pianificazione e progettazione perpetuate dalle passate esperienze amministrative a colpi di project financing e varianti urbanistiche siano ufficialmente archiviate a favore di una progettazione unicamente pubblica, partecipata e di respiro europeo. Noi continueremo a vigilare”.


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.