Cinque eventi svolti. Cinque sold-out per “Giochi a Tavola”, ciclo di eventi dedicato alla valorizzazione del vino marchigiano realizzato attraverso il bando Marche dalla Vigna alla tavola. Sono ancora sei le cene da svolgere nei ristoranti partner che, con grande soddisfazione, registrano molte prenotazioni fino alle date di dicembre.

L’idea di utilizzare il gioco come viatico di cultura è l’arma vincente del format. Ogni cena gli ospiti passano da quitz sui vini in assaggio ad affrontare prove sensoriali di gusto, olfatto, di abilità

– come denocciolare olive ascolane senza romperle, stendere la sfoglia – o di coraggio con tanto di jolly da giocare e aiuti delle cantine. Si gioca per una nobile causa: vincere una bottiglia di ottimo vino.

“Cerchiamo di aggiungere un sorriso a quelle che sarebbero classiche cene di degustazione con ottimi vini” – spiega Laura Di Pietrantonio, Presidente della Cooperativa Charme Italia Capofila del Progetto – “Parlare del vino in modo nuovo e diretto, accorciare la distanza tra vignaioli e consumatori è l’obiettivo di Giochi a Tavola che vuole essere un format in grado di girare l’Italia per raccontare i vini delle Marche”.

Il Vice Governatore di Regione Marche Mirco Carloni, assessore all’agricoltura: con il bando “Dalla Vigna alla Tavola” raccontiamo al mondo la sapienza delle grandi eccellenze vitivinicole delle Marche e promuoviamo l’immagine di una regione bella, piacevole e sostenibile”.

Prossimo appuntamento, venerdì 29 ottobre al Lago di Oz con le cantine Vigneti Vallorani, Lumavite e Pantaleone insieme con alcune eccellenze del territorio come l’anice verde di Castignano.

Tutto il programma della manifestazione e i pacchetti turistici connessi sono disponibili sulla pagina Facebook Giochi a Tavola (https://www.facebook.com/Giochi-a-Tavola) o sul sito www.lauradipietrantonio.it


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.