FERMO – Di seguito una nota stampa, giunta in redazione il 19 ottobre, dalla Questura di Fermo.

Il report delle attività della Polizia di Stato nello scorso fine settimana riporta 320 persone identificate, 220 veicoli sottoposti ad accertamenti, 12 esercizi pubblici verificati sia sotto il profilo amministrativo che della tutela della salute degli avventori, 35 sanzioni irrogate per violazioni del codice della strada.

Un “bollettino” che fa risaltare l’impegno degli operatori nei giorni di sabato e domenica, costellato da numerosi interventi a seguito di segnalazioni dei cittadini e di iniziativa, con mirati controlli sia lungo le principali arterie viarie delle zone costiere ed interne di competenza, sia nei luoghi di aggregazione spontanea dei comuni.

Attività ad ampio raggio per contrastare, in collaborazione con i cittadini, ogni tipo di reato, con particolare attenzione a quelli predatori, e per tutelare con continuità la tranquillità dei residenti e dei turisti che ancora sono presenti nel fermano per partecipare alle diverse manifestazioni culturali organizzate dalle amministrazioni comunali.

Anche nello scorso fine settimana la massima attenzione è stata rivolta al contrasto ad ogni episodio di quella che è stata indicata come “movida violenta”, quali aggressioni e risse, che hanno determinato, quale risposta immediata, l’irrogazione da parte del Questore di Fermo di alcuni divieti di accesso e stazionamento nei pressi di pubblici esercizi.

Nella notte tra sabato e domenica sono stati effettuati servizi mirati con verifiche dinamiche nei pressi dei locali e nelle zone dove, nelle scorse settimane, sono avvenuti gravi fatti che hanno creato un forte allarme sociale.

Personale della Questura e militari dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza hanno pattugliato tutte le aree della costa procedendo all’identificazione di numerose persone, soprattutto giovani, garantendo, con la capillare presenza sul territorio, interventi immediati che hanno permesso di scongiurare o di interrompere sul nascere episodi di violenza “favoriti” dall’abuso di bevande alcoliche.

Particolari controlli sono stati svolti presso i locali da ballo nel primo fine settimana dopo la riapertura; le verifiche del personale della Polizia Amministrativa della Questura non hanno rilevato violazioni alle norme, né relativamente ai limiti di capienza consentita né per quanto concerne la corretta regolamentazione degli accessi e la tutela della salute.

Un positivo riscontro, quello dello scorso fine settimana, di senso di responsabilità e di rispetto delle regole.

Controlli mirati, costante presenza, interventi immediati e rispetto delle disposizioni normative sono stati gli ingredienti di un weekend in sicurezza nel corso del quale le poche note “stonate” hanno riguardato un ragazzo di circa 20 anni identificato, nella notte, in evidente stato di ebbrezza alcolica all’uscita di un locale. Il giovane è stato sanzionato amministrativamente.

Un coetaneo residente a Fermo, destinatario del Daspo Willy, è stato rintracciato mentre stazionava nei pressi di un’attività commerciale. La violazione della misura di prevenzione ha comportato la segnalazione a suo carico all’Autorità Giudiziaria.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.