FINORI 6,5 E’ un classe ‘02 all’esordio in Serie D, aveva anche parato il primo rigore di Mariani. Cosa chiedergli di più?

PETRINI 6+ Fa quel che può in modo ordinato. Incolpevole.

SENSI-PASSALACQUA 6 Contengono bene un Akammdu in grande spolvero. Peccato per la carambola in area che è costata lo 0-1.

PASQUALINI 6,5 In fase difensiva concede poco o nulla a Del Greco, in fase offensiva arriva spesso sul fondo. Tuttofare.

D’ALESSANDRO 6 L’espulsione nel recupero nella confusione generale macchia una buona prestazione. Salterà la stracittadina.

EVANGELISTI 6,5 Prezioso nel gioco aereo e nei contrasti, è solo un 2003 ma sembra inamovibile.

ROSSI 6 Corre molto e dà una grossa mano in difesa nel primo tempo. Dopo lo svantaggio viene però sostituito con Shiba.

VERDESI 6+ Nel primo tempo fatica a trovare spazio, cresce a partita in corso e mette in mezzo palloni interessanti. Sbarazzino.

BATTISTA 6,5 Corre, lotta, scalpita ma la palla non vuole entrare. Il ruolo di ala sinistra a piede invertito gli calza a pennello. Tenace.

NAPOLANO 6 Vede la porta da qualsiasi angolazione e calcia dove gli altri non proverebbero nemmeno. Stavolta però gli resta il colpo in canna.

SHIBA 7 Entra e segna. Bomber.

MISTER CIAMPELLI 6,5 Per la prima volta in questo campionato si trova a dover gestire una situazione di svantaggio e ci vede lungo, azzeccando tutti i cambi. Dopo il gol subìto cambia modulo, rinunciando al tridente ed inserendo Shiba in coppia con Napolano (potrebbe essere un’opzione dall’inizio nel derby di domenica?). La mossa ripaga, il Chieti perde punti di riferimento e l’italo-albanese trova il gol dopo pochi istanti dal suo ingresso in campo. Galvanizzato dal pari, nei minuti successivi tutto lasciava presagire una fantastica rimonta, ma proprio nel momento migliore è arrivata la doccia gelata. “Dobbiamo lasciarci alle spalle l’episodio finale e ripartire dall’ottima reazione che abbiamo avuto” ha dichiarato nel post partita ed è esattamente ciò che serve in vista del derby con la Samb.

SIGNOR MATTEO DINI di Città di Castello 5 Espelle D’Alessandro per aver varcato la linea dell’area di rigore durante la rincorsa dal dischetto di Mariani, ma non si accorge che il biancoceleste era stato spinto da un avversario e fa ribattere, mentre tutto lo stadio esultava per la parata di Finori. E’ il classico episodio che nelle categorie superiori verrebbe rivisto al Var. Pochi minuti prima, sempre su un’offensiva nero-verde aveva considerato simulazione un intervento analogo su Akammdu. Che sia stato un rigore di compensazione, per mettere riparo ad un errore precedente? Certo è che la gara è stata nel complesso complicata da arbitrare.


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.