SAN BENEDETTO – Prendo spunto da una domanda di un lettore per trasformare una mia risposta in un articolo. Si rende necessario perché a San Benedetto si stanno verificando cose mai viste prima. Questa la domanda di “samba55“:

“Direttore, leggo della conferma dell’allenatore, della nomina del direttore sportivo ed addirittura di un direttore generale.
Considerato che già mercoledì prossimo dovremo essere in campo (pena 3-0 a tavolino), mi sorge una domanda: ma questa società è riuscita a mettere sotto contratto qualche calciatore? Ho letto qualche nome, ma non mi sembra sia stato ufficializzato nulla.
Riusciamo per mercoledì a mettere insieme un portiere e dieci giocatori di movimento?”

VOCI, NOTIZIE, VERITÀ. In effetti stiamo assistendo ad una situazione stranissima. La società di Renzi non comunica nulla se non qualche spicciolo di comunicato stampa. Nel contempo filtrano voci che poi risulterebbero vere (almeno spero per chi le ha scritte). La prima e forse la più importante è quella che è stata respinta la richiesta di Renzi, secondo noi legittima, di iniziare a giocare almeno il 3 ottobre con 15 giorni a disposizione per allestire la squadra e fargli fare un minimo di allenamenti. Poi fargli recuperare le gare con Trastevere e Recanatese nei due mercoledì successivi. Anche perché il suo iter ‘giudiziario’ è stato diverso da quello di Carpi e Novara. Sbaglio? Non sarebbe la fine del mondo e credo che le avversarie capirebbero.

L’altra questione, secondo me gravissima, è che escono interviste di dipendenti che farebbero parte della Samb ma che non lo sono ancora. Perlomeno a detta dei responsabili della comunicazione della AS Sambenedettese. E addirittura che, nonostante si trovi in condizione di disagio sotto l’aspetto strettamente calcistico (senza nemmeno un giocatore tesserato), secondo probabili dirigenti sarà allestita una squadra per salire subito in serie C, “per stravincere il campionato di serie D” è stato scritto.

A me pare tutto assurdo, compreso il silenzio della società che viene anticipata da alcuni organi di informazione e non muove paglia. Ci sono probabilmente spie nella Figc ma anche tra appartenenti della AS Sambenedettese. Come spiegare altrimenti una fuga di notizie che vorrebbe portare gli addetti all’informazione ad una gara tra chi arriva prima, nonostante che si tratti di comunicazioni che dovrebbe dare la società con una conferenza stampa che sta diventando un vero miraggio per i cittadini e i tifosi sambenedettesi.

Un’altra cosa: tutto quello che leggete il giorno dopo sulla stampa cartacea, e in tempo quasi reale su alcuni siti on line, la mia redazione lo sa anche prima di altri (preciso: tutta la redazione non solo io) ma preferisco non metterle in giro senza l’ufficialità, né tanto meno chiamare al telefono  un dirigente della AS Sambenedettese, ancora potenziale. Cose mai viste.

Se i nostri tantissimi lettori vogliono che ci adeguiamo, possiamo anche farlo, ma io credo che preferiscano più le notizie ufficiali, in questi casi, piuttosto che le fughe di notizie. Che si stanno rivelando vere, insieme però ad altre che non diventano mai ufficiali, per via di ‘chiamate’ delle spie che poi non si concretizzano.

Insomma fateci sapere se dobbiamo anche noi riportare notizie (che poi risultano vere o no) senza che ci sia l’ufficialità. Lo faremmo ma come coloro che vanno a votare per un partito, tappandosi il naso.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.