SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Di seguito una nota dell’assessore di San Benedetto alle Finanze e al Decoro Urbano, Gian Luigi Pepa, giunta in redazione l’11 agosto in merito alla situazione delle isole ecologiche, specialmente di quella di via Mazzocchi, oggetto di un nostro recente pezzo giornalistico.

Il nostro articolo precedente

San Benedetto, l’isola ecologica di via Mazzocchi è una discarica

Ecco la missiva di Pepa.

Tema delle isole ecologiche: strutture preziosissime per integrare i sistemi di conferimento in vigore nelle varie zone della città perché consentono anche a chi ha difficoltà oggettive nel rispettare le regole generali di contribuire ad una corretta gestione dei rifiuti, soprattutto con riferimento alla differenziata.

Con questo obiettivo sono state installate le tre isole ecologiche informatizzate, in altrettanti punti strategici del nord, del centro e del sud del territorio urbano, che aiutano quei cittadini che hanno difficoltà a conferire i propri rifiuti nell’ambito della programmazione del ritiro settimanale, ad esempio perché ammalati o perché spesso assenti da casa.

Con lo stesso principio è stata collocata l’isola ecologica di via Mazzocchi, destinata a quelle attività commerciali operanti nel quadrilatero della “movida” che hanno la possibilità di conferire in un unico punto i rifiuti che altrimenti troveremmo distribuiti in diversi siti del centro. 

E’ chiaro che si tratta di punti di raccolta di rifiuti provenienti da attività economiche, e come tali suscettibili di essere rapidamente riempiti: per questo il sito è oggetto di continuo monitoraggio da parte di Picenambiente che infatti, alle 8 dello stesso giorno in cui è stata scattata la foto incriminata e diffusa sul Web era già stato ripulito. 

Per quel che concerne la tassa dei rifiuti, più volte è stato ribadito che non è aumentata: come abbiamo precisato anche nel Consiglio Comunale del 26 giugno scorso, infatti, quest’Amministrazione ha scelto di dare sostegno immediato a favore delle famiglie con quattro componenti, contenendo le tre rate nell’anno in corso, e procedendo alla riduzione della tassa anche per le attività commerciali.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.