AMANDOLA – Continuano le riprese del lungometraggio liberamente tratto dal film “State buoni se potete” di L. Magni, basato sulla vita di San Filippo Neri. Dopo Acquaviva Picena e Grottammare, le riprese si sono spostate ad Amandola, nella fantastica location dell’Abbazia di San Ruffino, grazie alla gentile concessione del parroco, Don Giordano De Angelis.

Il progetto, ideato dall’Associazione “X Mano” insieme alla Fondazione Carisap e supportato da diverse associazioni, tra cui l’associazione teatrale “I Nosocomici” e l’associazione culturale grottammarese “Lido degli aranci”, sta procedendo con successo sia grazie alle spettacolari ambientazioni scelte, tra cui l’abbazia di San Ruffino, sia grazie alla professionalità di “NOON MULTIMEDIA” nella persona di Mauro Piergallini, cui sono state affidate le riprese.

Un ringraziamento particolare, da parte del regista Franco Di Pancrazio, va a tutte le associazioni che stanno collaborando alla realizzazione di questa iniziativa, ai comuni di Grottammare, di Acquaviva Picena e di Amandola, ai pittori e agli scenografi che hanno allestito il set nella sala Consiliare di Acquaviva Picena, a tutti gli attori professionisti e non, al service di Andrea Verzulli e a tutti coloro che stanno contribuendo alla realizzazione del lungometraggio.

Le prossime riprese, le ultime esterne, saranno nella Fortezza di Acquaviva Picena, prima di girare le molteplici scene restanti in programma sul set meticolosamente preparato dagli organizzatori.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.