SAN BENEDETTO DEL TRONTO –  La Sambenedettese è stata bocciata due volte di seguito dagli organi di controllo delìla Figc e il sindaco Pasqualino Piunti non parla. Far pubblicare che lui ha fiducia in una soluzione positiva della vicenda, senza spiegare i motivi alla sua città, è di un’ovvietà infinita. Magari la colpa è dell’assessore Troli che è ‘pappa e ciccia’ con Roberto Renzi e non gli ha esposto con chiarezza le motivazioni per cui il ricorso è stato respinto? Non credo.

Per fortuna persone del mestiere hanno evidentemente ascoltato la nostra richiesta e siamo venuti a conoscenza delle motivazioni per cui la Figc ha escluso la Samb dalla serie C (clicca qui). Perché conoscere l’addebito, in qualsiasi giudizio è prioritario per capire i margini di fondatezza di una accusa. Un principio cardine del diritto processuale, e questo è pur sempre un processo se pure disciplinare.

Da quello che si evince da quanto esplicitato dalla Figc, se non intercorrono nel frattempo altre motivazioni negative, una possibilità di salvare il titolo ci sarebbe e non è poco, anzi è una buona notizia: pagare.

Succederà? Una risposta chiarificatrice in tal senso da parte di Roberto Renzi sarebbe utile per alleviare la grande ansia che in questi giorni attanaglia tutti gli sportivi che hanno la Samb nel cuore.

Basterebbe un comunicato della società con un semplice sì. Perché non l’abbia fatto prima glielo chiederemo in seguito.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.