TERAMO – Di seguito una nota stampa, giunta in redazione il 10 luglio, dalla Questura di Teramo. 

A seguito di una complessa e tempestiva attività investigativa, la polizia giudiziaria del Commissariato di Atri ha denunciato in stato di libertà un 53enne della provincia di Reggio Calabria, individuato quale responsabile di una truffa ai danni di un ignaro cittadino residente in provincia di Teramo che all’inizio del mese di giugno aveva acquistato (o meglio riteneva di aver acquistato), su un sito internet “e-commerce” che pubblicizzava la vendita di un trattore agricolo per un importo complessivo di 3500 euro, più le spese di spedizione, addirittura, dopo diversi contatti avvenuti con il truffatore quest’ultimo era riuscito anche a convincere la vittima ad acquistare accessori per lavorare il terreno da abbinare al mezzo agricolo, ma poi insospettitosi aveva desistito ad effettuare un ulteriore bonifico di 500.

Come da copione, la vittima aveva versato l’importo su un conto corrente bancario inviando conferma ad un numero di telefono per il tramite di WhatsApp ma il trattore non gli era mai arrivato.

Le immediate attività di indagine consentivano di risalire al truffatore. Al contempo si accertava che lo stesso soggetto, con lo stesso modus operandi, aveva perpetrato numerose altre truffe da Nord a Sud dell’Italia ai danni di altrettante vittime.

Con l’occasione si invitano i cittadini a seguire i consigli della Polizia di Stato sul sito www.poliziadistato.it al fine di non incorrere nei reati che sempre più di frequente sono commessi utilizzando il web.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.