PAGLIARE DEL TRONTO – Deprecabile episodio accaduto nell’entroterra piceno nella notte tra il primo e due luglio.

A raccontarlo è il Comando Provinciale dei Carabinieri di Ascoli tramite una nota stampa diffusa, e giunta in redazione, nella mattinata del 2 luglio: “Nella ultime ore, i militari della Compagnia di San Benedetto del Tronto, impegnati nel servizio di controllo del territorio, sono intervenuti con la massima tempestività poiché allertati al 112, nel comune di Spinetoli, in un noto bar lungo la Salaria a Pagliare del Tronto, dove poco prima, un ragazzo di 29 anni originario del fermano, aveva malmenato una ragazza 21enne di Ascoli Piceno, barista del locale, sottraendole il telefono cellulare e percuotendo nel contempo anche una sua amica presente nel bar, intervenuta per difenderla”.

Nel comunicato stampa si legge: “L’uomo, all’arrivo dei militari, si è dato a precipitosa fuga a piedi, gettando il cellulare a terra. I carabinieri lo hanno raggiunto e portato in caserma con non poca fatica considerata la viva resistenza opposta alle operazioni dei militari”.

Dall’Arma picena proseguono: “L’uomo, al termine degli accertamenti è stato tratto in arresto in flagranza di reato per rapina e resistenza a pubblico ufficiale e condotto nel carcere di Marino del Tronto a disposizione della Magistratura ascolana”.

“La vittima della rapina, a cui è stato restituito il cellulare, ha avuto sette giorni di prognosi dai sanitari del Pronto Soccorso dell’ospedale di san Benedetto del Tronto” concludono dal Comando ascolano.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.