SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il distretto ittico sambenedettese, grazie al Caap-Centro Agroalimentare Piceno, diventerà uno dei Food Hub del nostro Paese grazie al progetto di Borsa Merci Telematica Italiana, Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e Italmercati.

“La Borsa Merci Telematica Italiana – ha spiegato Francesca Perotti amministratore delegato del Centro Agroalimentare Piceno – ha individuato in Italmercati Rete di Imprese il partner per il bando del Mipaaf per la progettazione e la successiva attuazione delle azioni di sviluppo del comparto ittico per una piattaforma pluriennale per l’implementazione di servizi di assistenza tecnico – specialistica funzionali alla creazione dei Food Hub. Per il distretto ittico sambenedettese è un ulteriore riconoscimento della sua importanza storica e per il nostro centro agroalimentare la dimostrazione della sua strategicità tra le varie realtà nazionali”.

Due sono i principali obiettivi del progetto. Innanzitutto si cerca di far diventare i mercati ittici un importante presidio del territorio con necessità di sviluppare un modello innovativo di riferimento per la filiera attraverso la creazione di una piattaforma informatica nazionale. Inoltre, l’intento è fare dei mercati ittici non solo delle piastre logistiche distributive, ma assegnare loro il ruolo di poli di informazione e promozione attraverso eventi nelle città.

Oltre al Caap-Centro Agroalimentare Piceno fanno parte del progetto: il Centro Agroalimentare di Roma, Centro Agroalimentare di Milano, Centro Agroalimentare di Catania, Centro Agroalimentare di Napoli, Centro Agroalimentare di Verona, Centro Agroalimentare di Firenze e il Centro Agroalimentare di Rimini.

“È molto importante – ha aggiunto l’Ad del Caap Francesca Perotti – che i mercati all’ingrosso vengano riconosciuti dal Ministero quali interlocutori primari nella pianificazione delle attività e delle strategie per il rilancio del settore ittico. Per raggiungere questo obiettivo abbiamo attivato un tavolo di lavoro sul territorio che coinvolge ovviamente il Comune di San Benedetto e la Regione Marche. Il progetto, infatti, permetterebbe a Italmercati e conseguentemente ai singoli mercati partecipanti, di essere riconosciuti a livello nazionale, interlocutori privilegiati ed attivi nel processo decisionale delle azioni strategiche e nei rapporti con il Settore Pesca del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali”.

L’importanza del Centro Agroalimentare Piceno nel contesto economico regionale nazionale è sottolineato dalle parole dell’assessore Guido Castelli: “Il Centro Agroalimentare Piceno è un’infrastruttura estremamente importante per la nostra regione. Il piano di rilancio che è in fase di attuazione accrescerà ulteriormente la strategicità del Caap diventando, come il progetto dimostra, un punto di riferimento a livello nazionale”.

L’assessore Gian Luigi Pepa in merito al progetto ha detto: “Questo progetto conferma l’importanza del comparto ittico sambenedettese a livello nazionale e internazionale. Da sempre il nostro sistema è un vero e proprio modello ed ora con il programma che vede protagonista anche il Centro Agroalimentare Piceno il nostro comparto ittico. L’amministrazione comunale è impegnata anche nella valorizzazione e promozione di queste strutture e tale azione appare estremamente coerente con il progetto”.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.