SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nel pomeriggio di oggi, domenica 13 giugno, si è svolta alla Terrazza di San Benedetto la prima conferenza stampa del neo presidente della Sambenedettese Roberto Renzi, che ha presentato i suoi soci a pochi giorni dall’ufficializzazione dell’affiliazione alla Figc.

I nuovi volti della società rossoblu sono Giuseppe Colucci, in qualità di amministratore e Claudio Giustini, architetto oltre che sindaco di Percile (borgo situato sui monti Lucretili alle porte di Roma). Presenti alla conferenza anche il sindaco di San Benedetto Pasqualino Piunti e l’avvocatessa Chiara Schiavi, che il neo presidente ha definito “una grande professionista e appassionata dei colori rossoblu che ha svolto un lavoro incredibile”.

“Faremo delle scelte oculate sin dal primo giorno, con l’obiettivo di rispettare gli impegni che ci siamo prefissati” – esordisce Renzi rimarcando di voler mantenere le promesse fatte dopo la vittoria dell’asta. Riguardo i progetti futuri prosegue: “Punto ad avere una società snella ed organizzata. Attualmente abbiamo 30 contratti tra staff tecnico e giocatori, faremo delle valutazioni con l’obiettivo di mantenere la rosa competitiva, ma soprattutto sana”.

L’amministratore Colucci ha poi chiarito in quale campo siano impegnati Renzi ed i soci: “Abbiamo un consorzio e ci occupiamo del settore immobiliare, nell’ultimo periodo, da un anno circa a questa parte, stiamo lavorando in particolare col super bonus”.

Alla domanda sul perché non abbia partecipato alla prima asta, ma direttamente alla seconda, il neo presidente risponde con una battuta: “Ho avuto più gusto a vincerla dopo, le cose semplici non mi piacciono” – poi chiarisce la dinamica dell’acquisto: “Quando abbiamo preso la decisione di partecipare eravamo sicuri del fatto che in prima battuta si presentassero come minimo tre o quattro cordate. Ho saputo della partecipazione di Kim mentre ero in macchina per dirigermi dall’avvocato Caserta, prima io ed i miei soci non eravamo certi nemmeno della sua esistenza. E’ stato come un duello, ma alla fine Kim ha ceduto prima del previsto. Noi abbiamo voluto la Samb a tutti i costi, non siamo abituati a perdere”.

Riguardo le posizioni di Zavaglia e Di Iorio all’interno della società Renzi fa chiarezza: “Ognuno è libero di dire ciò che vuole ma non abbiamo ancora avuto il tempo di decidere nulla riguardo l’organigramma tecnico. Domani sarò ancora a San Benedetto per definire l’iscrizione al campionato di Serie C, mentre martedì ci incontreremo per definire la parte tecnica”.

Ancora da chiarire il ruolo di Stefano Colantuono: rimarrà con incarico dirigenziale o è possibile vederlo nelle vesti di allenatore, così da evitare un ulteriore sborso per la panchina? “Sarà una decisione condivisa – chiarisce Renzi – al momento ci siamo sentiti due volte e lui mi ha confermato che avrebbe seguito la linea dei calciatori, rinunciando a tre mensilità del proprio stipendio per non gravare sul bilancio”. Poi spende belle parole riguardo Walter Cinciripini: “Gli dovete un monumento. E’ stata una figura fondamentale insieme ad Italo Schiavi, per la decisione della seconda asta. Mi ha aiutato in tutte le situazioni logistiche. E’ un fratello e, indipendentemente dall’incarico ufficiale o meno che ricoprirà, sarà parte della nostra famiglia”.

Altro tema chiave è quello del Samba Village e del settore giovanile: “Ho parlato col sindaco di Monsampolo e posso confermare che al 99% riformeremo la convenzione per far restare il Samba Village il centro sportivo della prima squadra. Il settore giovanile risente ancora del problema delle strutture, ma cercheremo strada facendo di dare organizzazione anche alle giovanili e alla squadra femminile”.

Con la bella stagione, si pensa anche a delle amichevoli di lusso al Riviera. “Ci stiamo muovendo e cercheremo a tutti i costi di programmarle. Con la Roma? Ora c’è Mourinho, non so quanto sia fattibile, ma con la Lazio di Sarri potrebbero esserci buone possibilità dato tifa molto la Samb. Mi ha anche chiamato per chiedermi novità sulla squadra, abbiamo un buon rapporto”.

A proposito del Riviera, resta ancora aperta l’incognita stadio, a causa del contenzioso con la PowerGrass. Il sindaco Piunti interviene: “Stiamo valutando le richieste lecite mosse dalla PowerGrass. E’ stata istituita una commissione d’inchiesta che si sta per concludere e a breve verrà fatta chiarezza. Contiamo che lo stadio possa essere agibile in concomitanza con l’avvio della nuova stagione – aggiunge il primo cittadino – Ringrazio i tifosi, i giocatori e la stampa per aver remato sempre tutti dalla stessa parte”.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.