MACERATA – Penultima giornata della regular season e ancora uno scontro decisivo per i ragazzi della Riviera Samb Volley impegnati sabato nell’ostica trasferta di Macerata, valevole per la terza giornata del girone D di serie C maschile.  Punti pesantissimi in palio, utili per proseguire la rincorsa verso quei playoff per la Serie B inimmaginabili ad inizio stagione ma ad oggi, più che mai, vicini.

La cronaca dell’incontro parla di una Samb Volley che parte subito forte nella prima frazione ed impone un ritmo alto alla gara. I locali accusano ma non mollano e sono bravi a rifarsi sotto al minimo calo di concentrazione dei rivieraschi che sono però altrettanto bravi a porre subito rimedio ed a portare a casa il primo parziale.

Che i giovani maceratesi fossero un osso duro lo si nota bene nel secondo set: spingono forte dai nove metri creando qualche grattacapo ai rivieraschi che faticano più del dovuto a fare cambio palla. Ci pensa Capitan Oddi a rimettere in chiaro i valori in campo grazie ad in proficuo turno al servizio che non solo riduce lo strappo ma crea un solco di punti che i padroni di casa non sono più in grado di colmare.

Terzo parziale sempre in equilibrio spezzato a metà set da alcune magie del solito Oddi in grado di smistare ottimamente i suoi attaccanti oltre che di “mettere a terra” palloni pesanti che fanno definitivamente pendere la bilancia dell’incontro a favore dei ragazzi di coach Netti.

Ed ora una settimana intensa in preparazione al match di cartello dell’ultima giornata. A far visita ai rossoblù sarà la corazzata Appignano che con la Samb condivide la terza piazza e che certamente scenderà in Riviera con l’intento di vendere cara la pelle.

Secca sconfitta 3-0 invece per le ragazze della Serie C femminile di Medico contro la capoclassifica Edilmonaldi Amandola. Nel pomeriggio di sabato, le rossoblu non hanno avuto quell’incisività tale da far soffrire le fortissime padroni di casa, ottenendo 43 punti nell’arco dei tre set. Nonostante la netta sconfitta, le rossoblu tornano a San Benedetto con nuove esperienze che saranno sicuramente utili per un avvenire migliore.
Terza giornata di campionato del girone B per l’Under 15 femminile e giornata decisiva per la classifica, visto che si sfidavano le cugine di Porto d’Ascoli situate al primo posto. Come ogni partita la tensione è protagonista e allora ci pensa coach Medico a far tirar fuori gli artigli alle giovanissime 2007 rossoblu, non mollando un solo pallone e giocando senza paura.
Il primo parziale se lo aggiudicano le rivierine, capaci di tenere botta ad una ostica avversaria, brava soprattutto in difesa, ma capitan Raffaelli & Co, sfruttano bene le palle concesse e con determinazione chiudono il set. Ci si scrolla la paura di dosso e le rossoblu cominciano a macinare gioco e si cominciano a rivedere quei meccanismi persi nel lungo stop senza giocare.
I due set successivi vengono vinti sempre dalle rivierine, trascinate dalla Di Buonnato in grande spolvero. Si fa festa, ma non è finita, c’è ancora il ritorno da fare, ritorno che si sarebbe giocato dopo trenta minuti. Una formula massacrante per delle giovani, che sono costrette ad un tour de force continuo ed estenuante. Soprattuto se le squadre in campo si equivalgono.

Allora coach Medico catechizza a dovere le sue ragazze, chiedendo un ulteriore sacrificio, provando a vincere il primo set e poi spostare l’obiettivo sulla crescita tecnica, nient’altro. Richiesta che la Vallorani e la Palotta recepiscono al volo, giocando ogni palla come se non ci fosse un domani.

Il set viene vinto ed il sorpasso effettuato, con le cugine dell’Athena che si son viste spodestare dal trono e retrocedere in seconda posizione. Posizione che la D’Angelo e la Borracci (ottima prova la loro, soprattuto nel servizio), cercheranno di tenersi strette nell’ultima giornata di campionato, che si giocherà il 6 giugno in quel di Casette D’Ete.

Una doppia festa, quindi, le rivali festeggiano per essere riuscite a vincere due set alle rossoblu, mentre le rossoblu festeggiano il primo posto in classifica.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.