MARTINSICURO – Dopo il primo ciak il 1° maggio a Pavia, sotto la direzione artistica del regista Giuseppe Di Giorgio, la troupe del film “Libera”, tratto dall’omonimo romanzo di Gabriella Morgillo, prodotto da Giuseppe Di Giorgio e co-prodotto da “Il Serpente Aureo” di San Benedetto Del Tronto e da Elena Rivaldo, si sposterà per girare nel territorio di Martinsicuro a partire dal 24 maggio.

Il cast artistico, composto principalmente da giovani attori di talento, vanta la presenza della Guest Star Vera Castagna, ma anche di Valentina Carrino, Alberto Sette e dello stesso Di Giorgio nel ruolo di genitori.
La protagonista verrà interpretata dall’attrice Camilla Tedeschi, figlia d’arte; al suo fianco l’attrice ascolana Erika Franceschini, lo youtuber Andrea Baggio, in arte Jaser, e poi Emanuel Iacono, Luca Benedetti, Fabio Poletto, Paola Sangermano e, non ultima, una presenza nostrana: Raffaele Siciliano, ormai marchigiano d’adozione.

Abbiamo intervistato il regista del film, Giuseppe Di Giorgio, il presidente, Traiano Ruffo Campanelli, e il direttore di produzione, Giovanni Leanza, di “Il Serpente Aureo”.

Di cosa si occupa esattamente “Il Serpente Aureo”?

Giovanni Leanza: “‘Il Serpente Aureo’, oltre a creare contenuti digitali, fornisce assistenza nella pubblicazione e distribuzione degli stessi e offre servizi di comunicazione costituiti da video, cortometraggi, TV commercials, pillole video, tutorial, social, foto, in maniera assolutamente professionale sia per quando riguarda la fase ideatrice del progetto, la stesura e le riprese, sia per l’utilizzo di capitale umano e tecnico preparato e all’avanguardia. Il nostro team di professionisti è formato dal presidente, Traiano Ruffo Campanelli, Olga Merli, autrice e sceneggiatrice cine-televisiva, Stefano Tiburzi (produzione), Andrea Giancarli (regia e post-produzione), Andrea Borgomaneri (regia e sceneggiature) e da me, direttore di produzione”.

Traiano Ruffo Campanelli: ”La colonna portante di ‘Il Serpente Aureo’ è senz’altro Olga Merli, dalla quale è partito tutto. Personalmente, mi sono avvicinato a loro quando gli ho proposto un progetto sulla sicurezza, da cui è nato un cortometraggio di 9 minuti. Vari sono i progetti legati al cinema cui “Il Serpente Aureo” sta lavorando e tanti sono gli obiettivi importanti e lungimiranti che spero riusciremo a portare a termine. Io sono semplicemente la voce di questa associazione e la rappresento ufficialmente. Ovviamente è necessario che l’Ente pubblico la sostenga perché, come anche altre associazioni, fa cultura, e San Benedetto, essendo una città votata al turismo, dovrebbe spingere questo tipo di iniziative.”

Giuseppe Di Giorgio, come è nata la collaborazione con “Il Serpente Aureo”?

Giuseppe Di Giorgio: “È stata una conoscenza fortuita con Olga e Giovanni, che con il tempo si è trasformata in una bella amicizia… sembriamo tre amici di vecchia data! Durante questa pandemia ci siamo sentiti in maniera costante, abbiamo parlato di tante cose e sul lato artistico abbiamo notato di avere parecchi interessi in comune; questo sicuramente ha fatto sì che si potesse pensare di poter costruire qualcosa insieme. Da qui la proposta di realizzare “Libera”, coinvolgendo strutture, persone e prodotti tipici locali del territorio abruzzese. Per me è fondamentale riconoscere all’interno di un film una determinata location o un prodotto tipico locale, se poi riesco a coinvolgere anche le persone, gli attori, gli esercenti, e perché no, anche i commercianti. Ritengo che, pur trattandosi di fantasia d’autore, serve la veridicità assoluta dell’ambientazione e di tutto ciò che vive attorno ad essa per riportare la quotidianità sul grande schermo, solo così possiamo dire che stiamo facendo e comunicando arte”.

La scelta delle due location, Pavia e Martinsicuro, è legata alla trama, allo sviluppo della storia?

Giuseppe Di Giorgio: “Pavia è la mia città di adozione, io sono nativo di Cerda, un piccolo paese di circa seimila abitanti, in provincia di Palermo, ma vivo qui da venti anni, dopo averne trascorsi altri otto in giro per l’Italia. Qui ho realizzato tre film e quattro videoclip musicali, e questo la dice lunga su quanto la città si presti a livello scenografico. Quindi ho deciso di iniziare a girare qui il mio quarto film per poi proseguire a Martinsicuro, visto che abbiamo due ambientazioni, una in città e una al mare. La trama narra la storia di Roberta, interpretata dalla giovane Camilla Tedeschi, che vive un momento di crisi a causa di un esame universitario non superato. L’amica Alyssa, interpretata dall’attrice ascolana Erika Franceschini, riusce a convincerla a staccarsi per un attimo dallo studio e a farla partire per una vacanza insieme a lei e ad altri quattro ragazzi, tra cui suo fratello Francesco. Il gruppo di giovani per la prima volta si ritroverà fuori dalla solita visione di vita schematica e stereotipata, grazie soprattutto a nuove situazioni fatte di contrasti, flirt e ripicche, il tutto però fortemente ancorato a tre punti fondamentali della vita: la famiglia, l’istituzione scolastica e l’amicizia. Attraverso questa vacanza intensa Roberta e tutto il gruppo scopriranno quanto è bello essere se stessi in ogni circostanza e poter amare e sognare liberamente. Credo che questo film potrà darmi la possibilità di comunicare tutto il sentimento che nutro per l’arte e soprattutto per il cinema. L’intelligenza di chi fa questo mestiere deve essere quella di comunicare ciò che viviamo quotidianamente. Bisogna sempre cercare di fare nel proprio piccolo grandi cose, ricordandosi sempre da dove si è partiti, il percorso fatto, il sacrificio e la dedizione messa sia in campo artistico che umano, perché il mondo dello spettacolo è un’arma a doppio taglio: serve una vita per raggiungere il successo e un attimo per finire nel dimenticatoio, quindi bisogna rimanere sempre e comunque con i piedi per terra. Concludo dicendoti che cercherò di dare la mia visione umana, che si fonderà con quella registica, per dire anche che bisogna dare e avere uno spazio necessario entro cui agire, ma sempre entro dei limiti fuori dai quali non si può uscire”.

Dove girerete a Martinsicuro?

Giuseppe Di Giorgio: “Le scene saranno ambientate principalmente al Camping Duca Amedeo, che sarà la location principale, con appoggio in spiaggia, al bar e alla piscina del Camping Riva Nuova. Io arriverò a Martinsicuro venerdì 21 maggio per fare gli ultimi sopralluoghi, mentre tutto il cast ci raggiungerà domenica 23, così da iniziare le riprese lunedì 24 maggio e cercare di terminarle entro e non oltre l’11 giugno. In realtà abbiamo poco tempo a disposizione, quindi dovremo sfruttare al meglio il meteo per organizzare il blocco delle scene nella maniera in cui le abbiano pianificate in questi mesi per non stravolgere i nostri piani. Dobbiamo girare almeno 3/4 scene al giorno per chiudere le riprese che prevedono 39 scene a Martinsicuro. Non mi pongo limiti o vincoli riguardo al territorio e alle location, in quanto, se sarà possibile e servirà, cercherò di sfruttare anche il centro città, una pizzeria, un pub o un locale serale. Il film avrà una durata di circa 90 minuti e vedrà l’Abruzzo coinvolto per almeno il 60% delle riprese“.

Quale sarà l’iter del film? Quando uscirà al cinema o in tv?

Giuseppe Di Giorgio: “L’idea è quella di fare un paio di anteprime, una a Pavia e un’altra a Martinsicuro, entro la fine dell’estate, ma a numero chiuso e su invito, per vedere la prima reazione del pubblico,, ma anche per ringraziare tutti per la grande e fondamentale collaborazione.
Da ottobre 2021 a marzo/aprile 2022, il film farà il suo percorso festivaliero nazionale e internazionale. Successivamente verrà distribuito in Italia e avrà una programmazione televisiva e/o sulle piattaforme entro la fine del 2022. Abbiamo un buon soggetto tratto dal libro di Gabriella Morgillo, che ha scritto anche la sceneggiatura. Io, assieme all’aiuto regia Roberto Attolini, mio compagno di lavoro in tutti i miei film, ci siamo occupati, dopo un’accurata supervisione artistica della sceneggiatura, dell’adattamento cinematografico, facendo anche da “Script Doctor”, termine usato per dire “pulizia dei dialoghi”. Olga Merli di “Il Serpente Aureo” sarà Assistente Regia e Casting Director in Abruzzo, Giovanni Leanza sarà, invece, il nostro Direttore di Produzione. Abbiamo anche la preziosa collaborazione di Marco Trionfante, Presidente dell’AIFAS, Accademia Internazionale di Formazione Arte e Spettacolo di San Benedetto del Tronto, da cui è stato scelto Raffaele Siciliano, che interpreterà Marcello nel film. Sono molto soddisfatto e soprattutto onorato di ogni singolo compente del cast tecnico ed artistico, non vedo l’ora di essere lì per proseguire le riprese.

Giovanni Leanza: “Voglio anche ricordare che la direzione della Fotografia è stata affidata a Daniele Castelli, mentre Marco Croci curerà l’audio in presa diretta. L’operatore in seconda unità è Peo Fallarino, mentre il focus puller Fabio Aquilanti. Ringrazio immensamente l’amministrazione comunale di Martinsicuro e il sindaco, l’avvocato Massimo Vagnoni, che hanno mostrato lungimiranza di vedute e sensibilità artistica nel contribuire a questo progetto che coinvolge il nostro splendido territorio. Ringrazio anche, naturalmente, Amedeo Corsi del Camping “Duca Amedeo”, Emanuele Dionisi del Camping “Riva Nuova”, la proprietà dello Chalet ” Uma “ di Martinsicuro, senza dimenticare i nostri partner: il Frantoio “Agostini ” di Petritoli e la “Cantina Biagi “ di Colonnella (TE).

Ci sono altri progetti comuni in cantiere?

Giuseppe Di Giorgio: ”E’ possibile, anzi, spero proprio che questo sia soltanto l’inizio di una lunga collaborazione”.

 


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.