FERMO – Riportiamo e pubblichiamo una nota stampa, giunta in redazione il 29 aprile, dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Fermo.

I Carabinieri del Comando Provinciale di Fermo, attraverso le varie articolazioni sul territorio, hanno intensificato i servizi di prevenzione ed elevato la prossimità verso la popolazione per prevenire la commissioni di reati contro il patrimonio, in modo particolare truffe e furti con destrezza. Alle ormai consuete sensibilizzazioni di diffidare da finti operai di forniture elettriche, di tecnici del gas o di assistenti sociali, in questo particolare momento storico si è aggiunto anche il finto “operatore sanitario” che riesce a intrufolarsi in casa con il pretesto di verificare le condizioni di salute del paziente sottoposto a vaccinazione Covid.

È quanto accaduto, nel pomeriggio di ieri, a una anziana donna di Montegiorgio che ha lasciato entrare all’interno dell’abitazione una giovane donna che aveva adottato questo pretesto per irretire la vittima. Quindi, mentre la teneva impegnata con finti accertamenti sulle condizioni di salute, una complice, introdottasi a sua insaputa, la derubava del denaro in contanti e di alcuni monili custoditi in casa.

I Carabinieri invitano quindi a diffidare da tali figure che si improvvisano davanti alle abitazioni con i più disparati pretesti o sotterfugi. Oltre ad impedire loro l’accesso in casa, è sempre opportuno allertare immediatamente le Forze dell’Ordine attraverso il Numero Unico di Emergenza 112.

 


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.