FERMO – Riportiamo e pubblichiamo una nota stampa, giunta in redazione il 26 aprile, dalla Questura di Fermo.

Anche nel fine settimana appena trascorso sono stati svolti i consueti servizi straordinari di controllo del territorio disposti dal Questore della provincia di Fermo finalizzati alla prevenzione dei reati ed alla verifica del rispetto delle disposizioni a contrasto della diffusione della pandemia con particolare riguardo al divieto di assembramento ed all’uso dei dispositivi di protezione individuale.

Pattuglie della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Capitaneria di Porto ed equipaggi delle Polizie Locali di Fermo, Porto San Giorgio e Porto Sant’Elpidio hanno effettuato numerosi posti di controllo e accertamenti dinamici su ogni strada e nelle zone di aggregazione spontanea del litorale, procedendo all’identificazione di poco meno di 500 persone, alla verifica amministrativa di più di 250 veicoli ed al controllo di 63 esercizi pubblici.

Nei confronti dei conducenti di autovetture, la Polizia di Stato ha elevato 6 sanzioni per la violazione delle norme al Codice della strada, la maggior parte delle quali per la mancata revisione periodica dei veicoli e per la guida senza patente al seguito.

Un’ulteriore sanzione ai sensi del Codice della strada nei confronti del giovane conducente di un ciclomotore, controllato dagli operatori della Polizia di Stato nel corso di un posto di controllo a Fermo.

Il giovane residente nell’entroterra fermano è risultato sprovvisto della patente di guida, mai conseguita, ed è stato pertanto sanzionato ai sensi del Codice della Strada. In base allo stesso articolo anche il proprietario del ciclomotore, che ne aveva concesso l’uso al giovane, è stato sanzionato amministrativamente per l’incauto affidamento. Il mezzo è stato sottoposto a fermo amministrativo per tre mesi ed il conducente sanzionato anche per lo spostamento dal comune di residenza senza giustificato motivo.

Nel corso dei controlli, la Volante ha proceduto ad identificare un trentenne straniero nordafricano che è risultato clandestino sul territorio nazionale. Il giovane è stato accompagnato in Questura presso la quale il personale dell’Ufficio Immigrazione ha provveduto a notificargli il decreto di espulsione del Prefetto e l’ordine del Questore di lasciare il territorio nazionale.

Sotto il profilo della verifica del rispetto delle disposizioni a tutela della salute dei cittadini, sono state complessivamente 26 le sanzioni anti-Covid elevate nel corso dei servizi del fine settimana.

La maggior parte delle multe, anche questa volta, per la violazione del divieto di assembramento e soprattutto per il mancato uso dei dispositivi di protezione delle vie aeree e residualmente per lo spostamento tra comuni senza giustificato motivo.

Tra queste ultime quelle elevate nei confronti di tre giovani, recidivi per la stessa violazione, i quali sono stati controllati a Porto San Giorgio nei pressi di un esercizio di ristorazione nella forma “drive”, dichiarato dagli stessi sul relativo modello quale “stato di necessità”.

Anche nella giornata di ieri la percentuale di nuovi positivi al virus ha evidenziato la sensibile riduzione dei contagi che ha consentito anche alla nostra Regione di transitare nella zona gialla grazie al rispetto della maggior parte della popolazione residente delle disposizioni per il contrasto alla pandemia.

Ma anche con il passaggio al nuovo colore i controlli continueranno senza sosta per garantire la serenità, la tutela della salute dei cittadini della nostra provincia e per la prevenzione di ogni forma di reato.

 


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.